Mettersi in proprio con un’attività: come avere 40 mila euro senza doverli restituire

Parte il nuovo Fondo impresa femminile 2022 disposto dal Ministero per favorire lo sviluppo dell’imprenditoria femminile. Ecco come funziona e come ottenerlo.

Parte finalmente il Fondo impresa femminile 2022, ovvero degli aiuti economici disposti dal Ministero dello Sviluppo Economico per favorire la nascita di imprese a gestione femminile. La manovra incrementerà inoltre lo sviluppo economico già in atto nel nostro Paese grazie alla presenza dei contributi a fondo perduto a favore dell’imprenditoria femminile.

A rinforzare questo canale sono stati introdotti finanziamenti e tassi molto agevolati. Il Governo Draghi ha messo a disposizione una fondo finanziario di circa 200 milioni di euro a sostegno dei nuovi incentivi. Queste risorse andranno a confluire nel fondo perduto; 160 miliodi di euro del totale corrispondono agli aiuti finanziari disposti dal PNRR (Piano nazionale ripresa resilienza), mentre la restate parte della cifra era già stata prevista nella Legge di Bilancio 2022.

Non è stato imposto nessun limite particolare per l’ottenimento dell’aiuto economico, per cui rimangono accessibili a tutte le donne che vogliono intraprendere un percorso imprenditoriale in Italia. Lo stesso vale per l’impresa-progetto: non è stato imposto nessun limite sulla tipologia di impresa né sulle sue dimensioni.

Il fondo è ottenibile non solo da nuove imprese ma anche da quelle già costituite; inoltre non vige nessun vincolo per la Regione di appartenenza. Insomma, il Fondo è stato progettato in modo che sia fruibile per tutti i cittadini -ovviamente donne.

Sono quattro le tipologie relative alle imprese di riferimento:

  • cooperative, oppure, le società di persone composta almeno dal 60% di soci donne;
  • società di capitale, se i 2/3 diviso tra quote e organi amministrativi sono donne;
  • imprese individuali femminili, ovvero il cui titolare risulti essere una donna;
  • imprese autonome delle lavoratrici in possesso di partita IVA.

Fondo Impresa femminile 2022: e cosa serve e come ottenerlo

Si tratta di una manovra molto incoraggiante, che riconosce la validità delle donne nel mondo imprenditoriale; i progetti da poter avviare spaziano in diversi settori, da quello industriale all’artigianato, dal settore agricolo a quello del turismo, servizi e commercio.

Il finanziamento può essere richiesto anche da persone fisiche; in questo caso il rilascio della sovvenzione deve essere preceduta da un impegno a costituire la società d’impresa subito dopo l’accettazione della pratica per l’ottenimento dell’agevolazione. L’incentivo economico viene rilasciato attraverso un finanziamento a fondo perduto della durata temporale di almeno otto anni.

Sono state previste alcune regole e linee guida per l’ottenimento dell’incentivo; le iniziative imprenditoriali devono:

  • essere compiute entro un massimo di 24 mesi, con decorrenza dalla data di concessione del provvedimento riferito all’agevolazione per cui si è prestata l’istanza;
  • rientrare in un tesso di spesa non più alto di 250.000,00 al netto dell’IVA se orientate verso la costituzione o l’avvio di una nuova società;
  • rientrare in un tetto di spesa non più alto di 400.000 euro al netto d’IVA, se orientate verso il consolidamento e lo sviluppo rientrano nei criteri del contributo a fondo perduto.

Inoltre vanno distinte le nuove imprese da quelle pre-esistenti: Per l’avvio di un nuovo piano imprenditoriale è previsto un tetto di spesa dal valore massimo di 100.000 euro, ovvero l’80% degli inventivi. Per coloro che vogliono rafforzare un’impresa già esistente il tetto massimo può superare i 100.000 euro ma non oltre i 250.000 euro

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha disposto delle date precise per la presentazione delle domande online:

  • per l’avvio di nuove imprese femminili o costituite da meno di 12 mesi la compilazione delle domande è possibile dalle ore 10 del 5 maggio 2022 mentre la presentazione a partire dalle ore 10 del 19 maggio 2022;
  • per lo sviluppo di imprese femminili costituite oltre 12 mesi la compilazione delle domande è possibile dalle ore 10 del 24 maggio 2022 mentre la presentazione a partire dalle ore 10 del 7 giugno 2022.

La gestione delle richieste dei finanziamenti è stata concessa ad Invitalia.