Bonus 200 euro, perchè rischi davvero di perderlo

Il Governo Draghi ha introdotto un nuovo bonus da 200 euro che sta per essere erogato a breve. Alcuni però potrebbero rischiare di perderlo: ecco perchè.

Il bonus da 200 euro che sta per essere erogato a luglio è stato introdotto con l’obiettivo di aiutare le famiglie italiane che versano in condizioni economiche di particolare disagio. La crisi energetica in atto, infatti, sta inevitabilmente pesando sui bilanci familiari tanto da far sprofondare diverse persone in una situazione da cui è davvero difficile risalire.

Alla luce di quanto appena detto, però, alcuni rischiano di perderlo. In particolare, non tutti potranno beneficiare del bonus in esame direttamente in busta paga. Di conseguenza, ci sono lavoratori che dovranno presentare domanda e dunque non beneficeranno della misura in maniera automatica. E’ chiaro dunque che in questo caso i tempi tecnici per vedersi erogare l’importo saranno leggermente più lunghi. A tal proposito, va precisato che tra le categorie che potranno avere accesso al bonus da 200 euro ci sono i lavoratori dipendenti e i pensionati così come i lavoratori autonomi, i disoccupati e i percettori del Reddito di Cittadinanza. Oltre a queste, anche le categorie di lavoratori composte da lavoratori stagionali e collaboratori domestici potranno beneficiarne.

Come accennato poc’anzi alcuni non dovranno presentare alcuna domanda poiché si vedranno erogare l’importo in maniera automatica, a luglio. Tra questi ci sono i pensionati, i lavoratori dipendenti e i percettori del Reddito di Cittadinanza. Per tutti gli altri invece sarà necessario procedere con la presentazione della richiesta e i tempi in tal caso saranno più lunghi. Questo , quindi, vale per i lavoratori stagionali e dello spettacolo, per i lavoratori autonomi cono e senza Partita Iva nonché per i collaboratori domestici. La domanda potrà essere inviata direttamente all’Inps. Al di là di questo si tratta sicuramente di un’importante misura che ha l’intento di aiutare le famiglie che si trovano ad affrontare le pesanti conseguenze generate dall’attuale crisi geopolitica. A tal proposito peraltro diverse associazioni di consumatori hanno posto l’accento sul fatto che al momento questo bonus risulta essere poco incisivo e dunque incapace di dare un reale sollievo al bilancio economico di mole famiglie. Ciò detto, non resta che auspicare che il bonus da 200 euro sia un primo passo verso misure maggiormente incisive.