Calendario dei pagamenti, le date che non puoi dimenticare a giugno

Sono state rese note le date dei pagamenti che non puoi lasciarti sfuggire. Ecco il calendario con tutte le date.

In queste ore, è stato reso noto il calendario che comprende tutte le date in cui dovranno essere eseguiti i pagamenti. Si tratta di scadenze che devono essere rispettate per evitare di andare incontro a problemi anche seri.

Le predette date sono state rese note dall’Agenzia delle Entrate e sono davvero numerose. Le scadenze a cui facciamo riferimento sono quelle relative al pagamento di tributi locali come, ad esempio l’Imu, ma anche dell’Irpef e così via. In poche parole quello appena iniziato è un mese particolarmente ricco di adempimenti così come di versamenti. Entro il termine fissato al 16 giugno, in particolare, è previsto il versamento delle ritenute sui redditi da lavoro dipendente o anche su altri tipi di compensi erogati a maggio, così come accade ogni mese. Non va dimenticata inoltre la scadenza fissata al 30 giugno relativa all’autocertificazione degli aiuti di Stato che sono stati ricevuto dalle imprese nel corso della pandemia generata dal covid. Se la dichiarazione dovesse essere omessa o essere infedele sono previste sanzioni che in alcuni casi potrebbero diventare anche penali.

In riferimento all’Imu, dopo le agevolazioni messe in atto a causa del virus,  a partire da quest’anno si tornerà a pagarla normalmente. Il tributo locale dovrà essere pagato entro il 16 giugno, in un primo acconto. Il restante, invece, dovrà essere saldato entro il 16 dicembre dello stesso anno. Per quanto concerne le scadenze dei contributi a fondo perduto e dei crediti d’imposta, bisogna sapere che il termine ultimo per presentare istanza da parte delle imprese è fissato al 10 giugno. Infine, dopo qualche giorno, in particolare il 15 giugno, scadrà anche il termine per inviare al Ministero dello Sviluppo Economico la domanda relativa al credito d’imposta al fine di costituire o trasformare in società benefit, così come stabilito nel Dl del 19 maggio 2020. Per le imprese operanti nel settore ristorativo, il 20 giugno sarà l’ultimo giorno per avanzare la richiesta del contributo a fondo perduto. La domanda, tra le altre cose, potrà essere inviata telematicamente tramite il portale dell’Agenzia delle Entrate.