Modello 730, cosa si rischia con le modifiche successive

Non tutti sanno che con le modifiche successive si rischia una serie di conseguenze. Scopriamo insieme quali sono.

Il modello 730 è rivolto ai pensionati nonché ai lavoratori dipendenti che possono richiedere in tal caso i rimborsi direttamente sulla pensione o in busta paga. Ovviamente va detto che nel caso in cui si ponesse la condizione, si sarà obbligata anche al versamento di una cifra da corrispondere all’Agenzia delle Entrate. Ciò detto, come alcuni di voi già sapranno, è cominciata la seconda fase che riguarda il predetto modello e non tutti sanno che apportando modifiche successive si rischia qualche conseguenza.

Chi attua delle modifiche consistenti al modello 730 va incontro a dei rischi. A tal proposito, infatti, l’Agenzia delle Entrate ha reso noti i criteri mediante cui vengono individuate le incoerenze relative alla dichiarazione in questione. Insomma, si tratta di controlli sulle dichiarazioni dei redditi. In particolare, ciò che farà partire automaticamente i controlli sarà la modifica del modello precompilato che riguarderà il reddito o anche l’imposta. Nello specifico, si fa riferimento alla presenza di altri elementi che risultino fortemente in contrasto con i dati inviati da altri enti cosiddetti esterni. Tra i vari campanelli d’allarme ci sarà una modifica del reddito che va dai 30mila euro ai 20.000 euro. Il contribuente, infatti, in questo caso sarà soggetto ai controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Ad ogni modo, a partire dal 31 maggio 2022 è possibile scaricare come anche modificare e provvedere all’invio del modello 730. A partire dal 6 giugno, invece, sarà possibile da parte del contribuente annullare il modello precompilato mente entro il 30 settembre 2022 di dovrà provvedere all’invio dello stesso al Fisco. Alla luce di questo, però, è molto importante sapere che in caso delle predette incongruenze, saranno avviati tutti i controlli del caso per constatare la veridicità di quanto dichiarato. Per cui bisogna fare molta attenzione quando si attuano modifiche consistenti al modello precompilato. In particolare, sarà avviata la comparazione tra quelli che sono i dati forniti relativamente all’anno in corso con quelli dichiarati precedentemente ossia gli anni passati. In caso di inesattezze, il contribuente potrebbe andare incontro a problemi seri con il Fisco.