Assegno INPS, puoi avere gli arretrati. Ma hai poco tempo

L’assegno unico e universale è disponibile ma occorre affrettare le procedure: quando è la scadenza per ottenere il sostegno

Per ricevere l’assegno unico e universale con diritto agli arretrati da marzo c’è tempo fino al 30 giugno. Dal 1 luglio si può fare domanda invece solo per le rate correnti. Se andiamo a dare un’occhiata alle statistiche, sono centinaia di migliaia i potenziali beneficiari che lo hanno ancora ottenuto. La gran parte di questi avrà bisogno dell’Isee per evitare di vedersi riconosce l’assegno nella misura minima di 50 euro al mese.

L’assegno unico e universale dell’Inps rappresenta un sostegno che il Governo ha deciso di stanziare per le famiglie che hanno uno o più figli a carico fino al compimento dei 21 anni. Per quanto riguarda i figli disabili non ci sono invece limiti di età. L’assegnazione dell’incentivo dipende anche da determinati parametri.

L’importo che spetta alle famiglie per questo sostegno varia in base alla condizione economica, quindi al reddito Isee al momento della domanda. Si tiene poi conto anche dell’età, del numero, e dell’eventuale situazione di disabilità dei figli. Si definisce “unico” perché è finalizzato alla semplificazione e al contestuale potenziamento degli interventi per incoraggiare e sostenere la genitorialità e la natalità.

Assegno Inps, come ottenerlo

Vediamo ora come fare per ottenere questo assegno. Ricordiamo che la scadenza è il 30 giugno. Serve per prima cosa l’Isee che si ottiene compilando la Dichiarazione Sostitutiva Unica presso il Caf. Per il servizio servono 16 euro. Gli stessi Caf hanno però lanciato un allarme perché c’è stato un assalto di richieste a ridosso della data limite. Il Solo24Ore ha spiegato che ora il rischio è che le risorse stanziate dallo Stato si esauriscano subito e che il servizio non possa più essere erogato gratuitamente. Si può comunque agire autonomamente seguendo le istruzioni per la compilazione della DSU, che si trova sul sito dell’Inps, per poi fare la domanda sul relativo sito internet. Di solito l’Isee è disponibile entro poche ore dalla richiesta.