Reddito di Cittadinanza a giugno, attenzione agli accrediti

Manca poco all’accredito della mensilità di Giugno del Reddito di Cittadinanza: attenzione soprattutto alle date o potreste avere problemi.

Il mese di Giugno è cominciato da qualche giorno e, come di consueto, si avvicina il momento dell’erogazione mensile del Reddito di Cittadinanza e non solo.

Reddito giugno

Insieme al Reddito verranno infatti erogati anche la Pensione di Cittadinanza nonché l’Assegno unico universale, che viene accreditato sulla stessa carta registrata per il Reddito di Cittadinanza.

Solitamente le ricariche sulle carte vengono effettuate in due date distinte, stabilite in base a quando è stata inoltrata la domanda. In ogni caso sono due le date da segnare per chiunque abbia richiesto o percepisce già il Rdc, la Pdc o l’AU: Mercoledì 15 Giugno e Lunedì 27 Giugno.

Attenzione alle date se volete ricevere l’accredito a Giugno

La prima data, ovvero il 15 Giugno, è da tenere d’occhio per tutti coloro che percepiscono per la prima volta la quota del Reddito di Cittadinanza o che hanno rinnovato la domanda allo scadere delle 18 mensilità e che stanno, dunque, ricominciando un nuovo ciclo di ricariche mensili.

Reddito giugno

In data 27 Giugno invece verranno ricaricate le carte di tutti i soggetti che stanno già percependo il Reddito (o la Pensione di Cittadinanza e l’AU) grazie ai requisiti specifici richiesti in base al modello ISEE 2022 e che non abbiano ancora terminato i 18 mesi di benefici.

Come molti sapranno e come abbiamo anche accennato in precedenti articoli, il RdC è rinnovabile allo scadere dei 18 mesi purché sussistano ancora i requisiti lavorativi e reddituali atti alla percezione del sussidio governativo. Basta inoltrare domanda all’INPS in autonomia o rivolgersi a CAF e patronati dopo un intervallo di un mese dall’ultima ricarica ricevuta (ovvero la 18esima).

Per la Pensione di Cittadinanza invece non è necessario richiedere il rinnovo: questo viene attivato in automatico dall’INPS, purché il soggetto continui a soddisfare i necessari requisiti.