Benzina alle stelle, Draghi pensa ad una via d’uscita

Il prezzo della benzina continua a salire a ha superato i 2 euro/litro: qual è la soluzione proposta al governo per l’estate

Da ormai qualche giorno il prezzo medio nazionale della benzina al self service a sfondato il tetto dei 2 euro al litro. Già ad inizio marzo si era arrivati a questi prezzi, ma in quei tempi non era ancora in vigore il taglio delle accise di 30 centesimi al litro, stabilito dal governo a partire dal 22 marzo. Se escludessimo anche lo sconto fiscale, oggi saremmo addirittura a 2,31 euro al litro, superando così il record del 1976.

I rincari del greggio sul mercato hanno di fatto reso vani gli interventi del governo e in qualche modo bisogna correre ai ripari per limitare i danni. In questi giorni si sta ragionando infatti su un tetto al prezzo dei carburanti, almeno per quanto riguarda i mesi estivi. La proposta è presente tra gli emendamenti del decreto Aiuti. Ci sono come sempre sospetti di speculazioni e in molti temono che le tensioni internazionali possano portare ad ulteriori aumenti.

Benzina, come si vuole rimediare agli aumenti

Però non basta la prorogo del taglio delle accise a 30 centesimi e Draghi deve trovare al più presto una soluzione. Questa ipotesi del tetto dei carburanti è stata lanciata dal Pd, che propone un Dpcm per 60 giorni. Si andrebbero in questo modo ad attenuare i costi per chi lavoro e chi viaggia, anche se arrivare a una norma non sarà facile. Il testo prevede semplicemente la definizione di “un prezzo massimo per la vendita dei carburanti” su proposta del Ministro della Transazione Ecologica.

Anche il leader della Lega, Matteo Salvini, si definisce fautore della proposta: “Ho chiesto al ministro dell’Economia Daniele Franco di rinnovare lo sconto benzina almeno per tuta l’estate. Perché se la guerra va avanti per mesi la benzina rischia di arrivare a 3 euro al litro e per milioni di italiani sarebbe un disastro”.

Va specificato che il problema del caro carburanti non riguarda soltanto l’Italia. Anche in Inghilterra il prezzo della benzina è salito alle stelle. Un pieno per gli automobilisti inglesi costa infatti ben 103 sterline, l’equivalente di 125 euro.