Tuo figlio al centro estivo e l’INPS ti aiuta a pagare. Ecco le date

Per tutte le famiglie italiane che vorrebbero mandare i propri figli al centro estivo, ma non hanno la possibilità economica, l’INPS aiuta a pagare. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul nuovo bonus.

Quello in esame è un nuovo bonus previsto dall’Inps per aiutare le famiglie italiane che vogliono mandare i propri figli al cento estivo. Si tratta di un sussidio rivolto a determinate categorie di persone e di conseguenza dotate di specifici requisiti.

Nello specifico, la misura in esame può arrivare fino a 100 euro a settimana e dunque fino ad un massimo di 400 euro al mese. Esso è rivolto soltanto ai pensionati e ai lavoratori dipendenti della PA che presentano figli a carico. Questi, peraltro, devono presentare un’età che va dai 3 ai 14 anni. Pe poter accedere alla misura, è necessario presentare la richiesta recandosi sul sito dell’INPS. Il termine massimo per inviarla è stato fissato al 20 giugno, entro le 12 e non sono previsti limiti di reddito. Com’è ovvio, la precedenza sarà riservata a coloro che rientrano nelle fasce economiche meno avvantaggiate.

A tal proposito, la pubblicazione della graduatoria sarà resa nota il 20 luglio prossimo. Non solo, i dati richiesti potranno essere inseriti anche fino al 14 ottobre. Tra questi rientrano le fatture e le ricevute di pagamento Oltre a questi i dati da fornire saranno anche l’iban dove difatti sarà erogato il sussidio. Per quanto concerne il rimborso, la sa erogazione sarà eseguita entro il termine fissato al 31 dicembre 2022. Ciò detto, si tratta senza dubbio di una misura molto importante che si pone nell’ottica di dare un sostegno economico alle famiglie che sono intenzionati a mandare i propri figli al centro estivo. Mai come in questo periodo, infatti, è necessario attuare una politica sociale che tenga conto della difficile situazione generata dalla crisi geopolitica che sta conducendo ad un continuo e progressivo aumento dei prezzi. Il sussidio in esame dunque risulta essere un ulteriore intervento con cui il Governo intende dimostrare la propria vicinanza. Al momento, come precisato prima, si tratta di una misura rivolta solamente ai lavoratori dipendenti e ai pensionati che hanno lavorato nella Pubblica Amministrazione.