Sussidio INPS, quando l’ISEE aggiornato può bloccare i pagamenti

Nel caso in cui l’Isee venga aggiornato può verificarsi un blocco dei pagamenti. Scopriamo insieme quando il sussidio dell’INPS può erre arrestato.

Il sussidio Inps viene erogato in base a quello che è il reddito annuale emerso dall’Isee, Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Di conseguenza, quando questo subisce una modifica, è possibile che le erogazioni subiscano un blocco.

L’assegno al nucleo Familiare, Anf, viene erogato sulla base di quelli che sono i livelli reddituali emersi dall’Isee. A tal proposito, però, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, Inps, ha comunicato l’introduzione di nuovi livelli reddituali in riferimento al periodo compreso tra il 1° luglio 2022 e il 30 giugno del 2023. Questi infatti variano a cadenza annuale a seconda di quanto varia l’indice dei prezzi calcolato dall’Istat. Nello specifico, viene valutato il consumo per le famiglie di impiegati e operai. Va detto peraltro che con ‘introduzione dell’Assegno Unico e Universale il riconoscimento degli Anf avverrà soltanto in determinati casi.

In particolare, saranno corrisposto solamente ai nuclei familiare in cui sono presenti solamente i coniugi. Ad essere esclusi dunque saranno i coniugi separati legalmente. Non solo, il riconoscimento sarà previsto per le famiglie in cui sono presenti figli, fratelli e nipoti che presentano un’età inferiore ai 18 anni. Non sono invece previsti limiti di età nel caso in cui i predetti componendi del nucleo famigliare siano affetti da patologie mentali o fisiche tali da rendere impossibile dedicarsi ad un’attività lavorativa. L’importo viene stabilito in base a quella che risulta essere la composizione del nucleo familiare e dunque in base al numero dei soggetti e ai redditi complessivi. Di conseguenza, la prestazione in esame presenta diversi importi e scaglioni. Com’è ovvio, nel momento in cui dovessero venire a mancare le condizioni che hanno reso possibile il riconoscimento della misura in esame, la stessa si considera decaduta. Ciò, ad esempio, può accadere nel momento in cui si verifica la separazione legale tra i coniugi o anche con il raggiungimento dei diciotto anni di età da parte del componente del nucleo familiare. In tutti gli altri casi dapprima esposti, invece, si continuerà a beneficiare del sussidio corrisposto dall’INPS.