Pensione anticipata contributiva, come metterti a riposo ancora giovane

In Italia le pensioni vengono erogate non solo in base all’età anagrafica, ma soprattutto a quella contributiva. Vediamo insieme com’è possibile andare in pensione ancora giovani.

Solitamente possono percepire la pensione dall’INPS tutti i lavoratori che hanno compito 64 anni di età e hanno pagato 25 anni di contributi. Ad oggi e nei prossimi anni questa sarà la strada sulla quale continueranno le pensioni.

Si può decidere di andare in pensione anche a 67 anni, avendo però versato 30 anni di contributi. In questo caso il cedolino mensile è ovvio che sarà più ricco rispetto a quello versato a chi è andato in pensione con i requisiti minimi.

In Italia non tutti riescono ad accumulare l’anzianità minima contributiva, e molti invece non riescono a raggiungere i 30 anni di contribuzione. Tuttavia per chi si trova in questa fascia mediana può comunque avere possibilità di arricchire la pensione uscendo dal lavoro nel 2022 o nel 2023.

Infatti al momento chi ha 64 anni ma ha già maturato 25 anni di contributi può andare in pensione alle stesse condizioni di chi ha già versato 30 anni di contributi senza obbligatoriamente aspettare i 67 anni di età anagrafica. Questo grazie alla pensione anticipata contributiva. Di cosa si tratta?

Pensione anticipata a 64 anni: puoi andare in pensione prima ma guadagnare di più

Questa misura permette, per quest’anno ed il prossimo, di andare i pensione a tutti coloro che hanno cominciato a lavorare (e dunque a pagare i contributi) a partire dal 1° Gennaio 1996. Se in questi anni si ha avuto un lavoro stabile, significa che sono già stati maturati almeno 25 anni di contributi.

In questo caso il lavoratore può avere accesso al sistema della pensione anticipata contributiva senza penalizzazioni. Ciò significa che non si percepirà una pensione inferiore rispetto a chi è andato o andrà in pensione a 67 anni.

Questo perché il nostro sistema pensionistico funziona in modo inversamente proporzionale all’età di pensionamento: più si esce giovani dal lavoro minore sarà il compenso mensile pensionistico. Con la pensione anticipata contributiva questo sistema decade.