Aumenti dei prezzi al 90 per cento, voli cancellati e licenziamenti. Così le compagnie aeree ti rovinano l’estate

Le compagnie aeree stanno rovinando l’estate di molti a causa degli aumenti dei prezzi al 9 per cento, ai voli cancellato e ai licenziamenti. Ecco cosa devi sapere al riguardo.

Quella a cui si sta assistendo in questi giorni è una situazione davvero fuori controllo che sta mettendo a rischio le vacanze di molte persone che si ritrovano a dover fare i conti con aumenti dei prezzi del 90 per cento, con i voli cancellati e con i licenziamenti.

In seguito all’abolizione delle misure anticovid, si è assistito ad un vero e proprio boom di prenotazioni dovuto sicuramente alla voglia delle persone di ricominciare a viaggiare. Nello stesso tempo però si sta assistendo al caos negli aeroporti con tantissimi voli cancellati o in ritardo. Va detto che al momento l’Italia non è interessata da questo problema che invece è particolarmente presente in Spagna, in Germania, Portogallo e Regno Unito. Va detto anche però che il conflitto in atto in Ucraina ha inevitabilmente determinato un aumento dei prezzi anche nel caso delle compagnie aeree italiane. Dai dati pubblicati dall’ISTAT, infatti, è emerso che durante il mese di maggio e giugno si è assistito ad un aumento di anche del 91 per cento delle tariffe su voli inter-europei.

 

La cancellazione dei voli poi si è resa necessaria anche in seguito alla mancanza di personale. Questa, in particolare, è stata determinata dai licenziamenti messi in atto durante la pandemia. Di conseguenza, con il ritorno alla normalità è necessario procedere con le riassunzioni, ma bisogna fare i conti con il fatto che per mettere sotto contratto il personale aeroportuale sono necessari ance sei mesi. Per poter essere operativo il dipendente, infatti, bisogna attendere il rilascio del nulla osta sicurezza. Al momento, comunque, l’Italia sta reggendo bene la situazione che appare difatti ancora sotto controllo. Questo è dovuto sicuramente all’approvazione della Legge id Bilancio nel 2020 che aveva sancito lo stanziamento di 800 milioni di euro a sostegno delle compagnie aeroportuali. Il ministero del Turismo comunque è intervenuto consigliando agli utenti di portare con sè soltanto un bagaglio a mano per evitare di dover far fronte a lunghe code per recuperare i bagagli.