Cartelle esattoriali, perchè agosto è il mese decisivo

Il mese di agosto è tra quelli decisivi in materia di cartelle esattoriali. Scopriamo insieme per quale motivo.

Quando si presenta un debito con la Pubblica Amministrazione, l’Agenzia delle Entrate invia al soggetto in questione un atto con il quale intima il pagamento e che contiene l‘avviso di mora al contribuente. L’atto in esame è rappresentato dalla cartella esattoriale. A tal proposito, il mese di agosto risulta essere particolarmente decisivo.

Con la legge di conversione relativa al Decreto Sostegni ter, il Governo ha previsto che i soggetti non hanno proceduto al pagamento delle rate relative al 2021 stabilite dal Saldo e Stralcio e dalla Rottamazione-ter, possono in ogni caso adempiervi entro il 31 luglio 2022, eseguendo il versamento. Va detto però che tale data cade di domenica per cui, in realtà, la scadenza è prevista per lunedì 1 agosto. Senza contare poi che con l’applicazione dei cosiddetti giorni di tolleranza la scadenza viene prorogata al 7 agosto e dunque anche in questo caso di domenica. Va da sè che che automaticamente la scadenza viene slittata a lunedì 8 agosto. Ad ogni modo, per poter procedere al pagamento bisogna usare i bollettini già inviati dall’Agenzia Entrate Riscossione. Qualora il contribuente non ne fosse in possesso, comunque, è sufficiente fare la richiesta di una copia.

Coloro che non rispetteranno la predetta scadenza dunque si vedranno preclusa la possibilità di sfruttare l’agevolazione poiché non sono previste ulteriori chance. Di conseguenza manca poco al termine e per questo è bene procedere il prima possibile al saldo delle rate dovute alla Pubblica Amministrazione. Si tratta di una possibilità da non lasciarsi scappare soprattutto dai contribuenti che non avendo pagato le rate riferite all’anno 2021 entro il 9 dicembre 2021, avevano optato per l’adesione alla Rottamazione ter nonché al saldo e stralcio. Va detto, comunque, che senza ombra di dubbio che quello a cui sta assistendo è un periodo molto complicato che sta costringendo le famiglie italiane ad affrontare le conseguenze generate dall’inflazione alle stelle e dal caro prezzi delle materie prime. In un simile contesto, è chiaro che molte di cittadini si ritrovano dinanzi all’impossibilità di adempiere alle scadenze in questione non siano rispettate a causa delle tante incombenze.