Agenzia delle Entrate, il calendario della tregua estiva

Anche l’Agenzia delle Entrate va in vacanza: pubblicato il calendario dello stop a lettere e controlli. Ecco quando potrete tirare un sospiro di sollievo.

L’inizio del periodo estivo è sempre una brutta batosta per i contribuenti, che si vedono arrivare diverse lettere e controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate per il pagamento delle tasse che segue alla dichiarazione annuale dei redditi.

Anche per il Fisco però è arrivato il momento di una vacanza. Lo ha annunciato il direttore dell’Amministrazione Finanziaria Ernesto Maria Ruffini, che la scorsa settimana ha incontrato i tecnici del Ministero dell’Economia e commercialisti.

In tanti hanno chiesto una tregua dall’invio degli avvisi di irregolarità e delle lettere di compliance per i mesi estivi di Luglio e Agosto e il Fisco ha risposto in breve tempo. Tutto rimarrà in sospeso a partire dall’ultima settimana di Luglio e per tutto Agosto.

Il lavoro di controllo del Fisco riprenderà dalla seconda settimana di Settembre. Una ‘vacanza record’, dato che di solito la sospensione delle attività viene indetta dall’1 al 20 Agosto, come stabilito dal D.L. n. 16/2012. Tempi più lunghi anche per le scadenze degli adempimenti.

Il Fisco va in vacanza: avete più tempo per regolare i conti

Quest’anno si sposta al 22 Agosto la data ultima per il pagamento di tutti gli arretrati previsti, senza ulteriori sanzioni o maggiorazioni. Una piccola boccata d’aria in più, insieme alla sospensione delle lettere di compliance e degli avvisi delle dichiarazioni e dell’Iva.

Con questa lunga pausa estiva l’Agenzia delle Entrate prende due piccioni con una fava: meno stress per i contribuenti e più ferie per i professionisti commercialisti che collaborano con il fisco. A questo proposito ha parlato Elbano De Nuccio, presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti:

“Quanto comunicato dall’Agenzia delle Entrate si inserisce nel percorso che il Consiglio Nazionale sta portando avanti al fine di codificare a regime una ‘moratoria’ per i mesi da giugno ad agosto per l’invio delle comunicazioni automatizzate e delle lettere per la compliance che consenta ai commercialisti di concentrarsi sugli adempimenti autodichiarativi nei mesi di più intenso lavoro”.

Anche Marina Calderone, presidente del Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro, ha dichiarato: “Si tratta di una decisione attesa, una sostanziale tregua per l’operatività degli studi dei consulenti del lavoro in un periodo generalmente coincidente con la chiusura per le ferie estive”.