Benzina e bollette, fra pochi giorni i nuovi aiuti

Il Governo Draghi sta mettendo a punto nuovi aiuti da destinare alle famiglie italiane e riguarderanno benzina e bollette.

In questi mesi, gli italiano hanno dovuto far fronte ad un’ondata di aumento prezzi davvero inaspettata causata dall’invasione delle truppe russe in Ucraina. Questa azione da parte del Presidente della Federazione russa infatti ha messo in discussione gli equilibri politici portando ad una conseguente crisi energetica.

Il risultato è che gli aumenti relativamente alla benzina e alle bollette sono sotto gli occhi di tutti e la situazione risulta essere sempre più pesante per coloro che già versano in condizioni economiche precarie, messi in ginocchio già dalla pandemia da covid. Proprio per questo, il Governo sta per introdurre nuovi interventi a favore di famiglie e imprese. Il primo consisterà nel prolungamento del taglio di 30 centesimi sulle accise in scadenza il 2 agosto. Per le famiglie italiane inoltre si starebbe pensando anche ad un aumento del limite di Isee previsto per usufruire del bonus bollette. Si passerebbe dunque dagli attuali 12 mila previsti per avere accesso alla misura a 20 mila euro. Si tratta di una misura che richiederà un investimento molto consistente di risorse. Stando alle stime effettuate al riguardo, infatti, essa richiederebbe circa 6 miliardi di euro e proprio per questo risulta difficile una possibile proroga anche del bonus da 200 euro.

Il bonus introdotto dal Governo Draghi proprio per aiutare le famiglie italiane a far fronte all’aumento dei prezzi di questi mesi, infatti, quasi sicuramente sarà erogato una sola volta. Al momento pensionati e dipendenti hanno già potuto usufruire  in automatico dell’indennità nel mese di luglio. Il resto dei beneficiari, invece, dovrà presentare la domanda e molto probabilmente l’erogazione del bonus avverrà nel mese di ottobre. Ciò detto, quelli messi in atto dal Governo sono interventi che mirano a rafforzare il potere d’acquisto delle famiglie italiane messe a dura prova da un’inflazione alle stelle e ad un aumento dei prezzi spropositato. Quel che è peggio è che proprio in questi giorni, il nostro Paese sta affrontando un’ulteriore emergenza relativa alla siccità che di certo sta rendendo la situazione più complessa di quanto non lo sia già.