Multe e velocità, cosa sta per cambiare nelle strade italiane

L’Ue ha stabilito un nuovo obbligo per l’immediato futuro in termini di velocità su strada: ecco il nuovo dispositivo di limitazione

C’è un nuovo obbligo imposto dall’Ue per tutte le vetture in produzione, un sistema che dovrà esser presente su tutte le auto di nuova omologazione dal 6 luglio, o obbligatorio a partire dal 2024. Parliamo di un dispositivo che servirà per limitare la velocità, ma andiamo a vedere di cosa si tratta con precisione.

Il limitatore di velocità rappresenta un ulteriore passo avanti sugli obiettivi della sicurezza su strada in Europa, anche se per il momento i guidatori avranno comunque la possibilità di disattivarlo. Il nome stabilito per questo nuovo dispositivo è ISA (Intelligent Speed Assistance). Usa una combinazione di dati del GPS, del sistema di frenata d’emergenza e delle telecamere per il riconoscimento dei segnali stradali.

Velocità, come funziona il nuovo limitatore

In questo modo l’ISA va a rilevare la giusta velocità che dobbiamo tenere su ogni tratta stradale, e lo fa avvisando il conducente quanto questi supera il limite, emettendo segnali visivi e sonori. Il segnale acustico che si attiverà sarà molto simile a quello che avverte per le cinture di sicurezza, e procede poi emettendo una vibrazione sul pedale dell’acceleratore e su sedile del conducente.

Nel caso poi in cui l’automobilista continuerà a procede oltre il limite di velocità consentito dalla legge, allora a quel punto l’ISA diminuirà la velocità del veicolo autonomamente, andando ad agire con il sistema di frenata automatica d’emergenza e riportando la macchina al giusto limite. Per quanto riguarda le date, come detto sopra per le nuove vetture si parte dal 6 luglio 2022, mentre per quelle con omologazione precedente, sarà possibile adeguarsi dal 7 luglio 2024.

Almeno inizialmente comunque il dispositivo ISA potrà essere disattivato. Uno dei problemi sta nel fatto che in molte strade sono rimasti cartelli con limiti di velocità legati a lavori ormai terminati. In generale i limiti al momento sono molto complessi e quindi il tutto verrà reso obbligatorio per tempo.