Soldi per la disoccupazione, cosa accade ad Agosto

Cosa succede nel mese di agosto per quanto riguardo i soldi per la disoccupazione. Ecco le ultime notizie su questo argomento.

Sono state rese note le date per i pagamenti della NASpI per il mese di agosto. Ecco la Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI), introdotta dal 2015 in sostituzione dell’ASPI, indennità di disoccupazione che è erogata direttamente dall’Inps.

Dal prossimo 8 agosto 2022 arriveranno i pagamenti NASpI. Ecco come funziona l’avvio dei pagamenti per il prossimo mese, con gli accrediti che inizieranno l’8 e proseguiranno per tutta la settimana.

Per tutti i beneficiari non esiste una data standard. Dipende, infatti, da quando è stata inoltrata la domanda all’Istituto. Non c’è, dunque, un periodo uguale in cui si riceve il pagamento. Sicuramente una cosa è certa: entro i primi 10 giorni del mese di agosto, l’Inps offre la possibilità di verificare, nella propria area riservata nel fascicolo previdenziale, la data esatta per il pagamento. Come faccio a controllare? Basta collegarsi al sito oppure rivolgersi a Caf o patronati specializzati.

Quindi, per NASpI del mese di agosto 2022, sono state comunicate le date dei pagamenti che inizieranno a partire dal prossimo 8 agosto e proseguiranno per tutta la settimana.

Chi può ricevere la NASpi? La Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego è corrisposta ai lavorati che hanno perso la loro occupazione. Inoltre, i beneficiari dovranno avere un numero di settimane pari alla metà di quelle contributive dei precedenti quattro anni; il numero fissato deve essere almeno pari a 13.

 Queste le categorie beneficiarie:

  • lavorati a tempo determinato delle pubbliche amministrazioni;
  • personale artistico con rapporto di lavoro subordinato;
  • soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato con le medesime cooperative.
  • operai agricoli a tempo indeterminato;
  • apprendisti

Per quanto riguarda le categorie escluse, che non possono ricevere l’indennità della NASpI, ci sono i dipendenti a tempo  indeterminato delle pubbliche amministrazioni. Così come chi è titolare di un assegno di invalidità. I lavoratori che hanno i requisiti per andare in pensione, come vecchiaia o anticipata. Gli operai agricoli a tempo determinato e i lavoratori extracomunitari con permesso di soggiorno per i lavori stagionali.