Il bonus €200 diventa bonus €184 per sempre per i dipendenti, regalo inaspettato

Molti sono rimasti delusi dalla mancata proroga del bonus €200 nel decreto aiuti bis di agosto.

Infatti molti italiani avevano creduto che nel decreto aiuti bis di agosto avrebbero trovato posto delle proroghe del bonus da €200.

Pixabay

Purtroppo questo non è avvenuto e il bonus da €200 non è stato prorogato. Il governo si è concentrato sui dipendenti e sui pensionati ma ha sostanzialmente dimenticato le altre categorie. Vediamo che cosa sta succedendo.

Aumenti forti per i dipendenti italiani

Il governo Draghi ha pensato bene di lasciar perdere la logica dei bonus e di concentrarsi su un aumento stabile in busta paga.

Pixabay

Il problema però è che tante altre categorie rimangono escluse dai bonus €200. Infatti le casalinghe, gli inoccupati, ma anche i percettori del reddito e di pensione di cittadinanza vengono completamente esclusi dai rinnovi del bonus 200€. Dunque gli aiuti ci sono soltanto per i pensionati e per i dipendenti. Per i pensionati arriva una sorta di anticipo della perequazione del 2023. Sostanzialmente i pensionati avranno con qualche mese di anticipo l’adeguamento all’inflazione che sarebbe dovuto scattare nell’anno 2023.

Una mano vera per i lavoratori

Ma ad essere particolarmente premiati dal governo draghi sono i lavoratori dipendenti. Infatti saranno proprio i lavoratori dipendenti e ricevere una specie di bonus 184€ fisso in busta paga. Infatti l’aumento per la busta paga potrà arrivare ben 184€ e sarà confermato fino alla fine dell’anno. Quindi fino alla fine di quest’anno ci saranno 184€ in più fissi in busta paga ma dall’anno prossimo dovrebbe arrivare anche il taglio del cuneo fiscale. I 184€ saranno per chi percepisce uno stipendio lordo di 2.500€ al mese. Per chi percepisce uno stipendio lordo di €2000 al mese l’aumento sarà di 144€ al mese e così via a scendere.

Taglio del cuneo fiscale nel 2023

Sicuramente per i dipendenti si tratta di una notizia molto positiva perché questo aumento in busta paga teoricamente è fisso fino alla fine dell’anno. Ma poi congiungendosi col taglio del cuneo fiscale dell’anno prossimo è come se durasse per sempre. Anzi teoricamente il taglio del cuneo fiscale del prossimo anno dovrebbe anche essere più corposo e quindi per i dipendenti il guadagno è davvero importante. Quello che preoccupa è il fatto che proprio le categorie più fragili siano state escluse dal bonus.