600 euro per farti star meglio: le cosa da non dimenticare per non perdere i soldi

Ecco come ottenere il riconoscimento di 600 euro, la cosa da fare e da non dimenticare per ottenere il bonus. Svelati tutti i dettagli.

Aggiornamenti riguardo il bonus 600 euro, una misura promossa dal Governo per sostenere le spese del cittadino e per farlo stare meglio. Ecco cosa serve per diventare beneficiari.

Arrivano notizie riguardo il bonus psicologo 2022, una misura introdotta da governo per dare la possibilità a tanti cittadini italiani di rivolgersi ad uno specialista per sviluppare l’assistenza per il benessere psicologico. Gli obiettivi del Governo sono quelli di stimolare e rinforzare questi servizi, stanziati 10 milioni di euro con l’Inps che ha fatto partire le richieste lo scorso 25 luglio. Per richiedere il bonus c’è tempo fino al 24 ottobre 2022. L’obiettivo è quello di raggiungere e sostenere almeno 16 mila persone. 

Il bonus psicologo 2022 è destinato a tutti i cittadini che hanno l’ISEE inferiore ai 50 mila euro. E per chi ha l’indicatore della situazione economica equivalente inferiore a 15 mila euro, può ottenere fino ad un massimo di 600 euro. Il bonus, si ricorda, può essere speso fino ad un massimo di 50 euro a seduta. Al termine del 24 ottobre, termine ultimo per inoltrare la richiesta, sarà stilata una graduatoria regionale da parte dell’Inps e saranno indicati i nomi dei beneficiari che avranno 180 giorni di tempo per spendere il bonus.

Tutti accettano il bonus psicologo? No, ci sono anche specialisti che possono rifiutarsi. Infatti, da poco, si è aperta la procedura per accreditarsi ed essere inseriti in un elenco dove saranno presenti i nomi di tutti i professionisti che decidono di accettare come pagamento il bonus. E’ ammesso anche l’utilizzo online.

Dunque, tutti i psicologi devono accreditarsi all’iniziativa se vogliono dare la possibilità ai loro pazienti di usufruire di questa possibilità e pagare con i voucher. Sul sito istituzionale del Consiglio Nazionale Ordine Psicologi è presente la procedura da seguire per l’accreditamento, aperta ufficialmente dallo scorso 21 luglio.

Tutti gli psicologi che intendono aderire a questa iniziativa saranno coinvolti anche in un progetto specifico, di monitoraggio, di queste attività. Con gli esiti degli interventi che serviranno a spiegare, in futuro, l’importanza dell’intervento psicologico e psicoterapeutico per ogni paziente.