Si spacciano per poliziotti, ma poi sembri colpevole e finisci nei guai

Nuove ondate di truffe si abbattono sugli italiani. I truffatori italiani non hanno pietà delle famiglie stremate dagli aumenti del costo della vita e continuano la loro attività sempre più pericolosa.

Infatti i truffatori in questo periodo stanno sfruttando proprio nuovi tipi di truffe nei quali si spacciano per funzionari delle forze dell’ordine.

Pixabay

Vediamo come funziona questo genere di truffa. Agli italiani arrivano delle email molto ben fatte e che sembrano provenire dalle forze dell’ordine del nostro paese.

Le nuove truffe: si spacciano per agenti

Il cittadino viene spaventato perché in queste email vengono contestati dei reati anche piuttosto gravi.

 

Pixabay

Nelle email viene dato anche un termine perentorio per rispondere di questi reati. Il problema di queste truffe è che sfruttano il timore suscitato dalle forze dell’ordine. Vediamo di capire come funzionano. Al cittadino arriva un’email che sembra provenire da una forza dell’ordine. Il reato che viene contestato in questa email è di solito pesante. Quindi il cittadino si precipita a cliccare sul link che gli consentirebbe di discolparsi.

Come fanno a raggirare la gente

Ovviamente però questo link è quello di una piattaforma truffaldina che ha il solo scopo di rubare i dati sensibili dell’utente. Lo scopo dei truffatori in queste truffe è sempre lo stesso. Accedere ai dati sensibili del conto corrente oppure della carta di credito dell’utente. Accedere a questi dati è preziosissimo per i truffatori perché consente loro di svuotare il conto del malcapitato. Quindi c’è una cosa molto importante da tenere presente quando si ricevono queste email: non prestarvi fede.

Come difendersi e a cosa fare attenzione

Alle volte queste email sembrano provenire dalle forze dell’ordine ma altre volte sembrano provenire dalla propria banca. Non mancano neanche i casi nei quali l’email sembra provenire dall’agenzia delle entrate. Tuttavia il consiglio è sempre quello di eliminare subito l’email ma soprattutto di non cliccate sul link. Cliccando sul link si potranno scaricare dei software che possono arrecare notevoli danni e che possono spiare l’attività dell’utente. Si tratta di truffe molto insidiose dalle quali è importante stare in guardia.