Truffa al bancomat: ti azzerano il conto e sembra anche colpa tua, il particolare da notare

Il Bancomat è un’abitudine assolutamente consolidata per gli italiani.

Praticamente tutti gli italiani regolarmente vanno allo sportello bancomat per fare i loro prelievi.

ANSA

Tuttavia al bancomat ci sono insidiose truffe dalle quali è molto importante difendersi.

Le nuove truffe al bancomat

I criminali prendono di mira il bancomat e grazie ad ingegnose truffe riescono a raggirare gli utenti.

Pixabay

Vediamo alcune delle truffe più popolari. Innanzitutto spesso agli sportelli bancomat sono state trovate delle microscopiche telecamere. Le microcamere nascoste sul bancomat sono veramente pericolose. Infatti queste microcamere riescono a rilevare il codice pin digitato dall’utente. Una volta scoperto il codice PIN del bancomat i delinquenti cercheranno di sottrarre la card all’utente con un pretesto e potranno utilizzarla assolutamente indisturbati. Ma un’altra truffa che si evidenzia spesso al bancomat è quella di un dispositivo radiocomandato nascosto proprio nello sportello Bancomat.

I controlli fiscali più pericolosi

Questo dispositivo radiocomandato blocca la card all’interno del bancomat. Il correntista si convincerà che il Bancomat è fuori uso e dovrà aspettare la riapertura della banca per poter rientrare in possesso del Bancomat. Tuttavia una volta che il correntista si è allontanato dalla banca i criminali sbloccano la card e potranno utilizzarla al loro piacimento. Ma la cosa importante quando si preleva al bancomat è dare un’occhiata per cercare di capire se lo sportello sembra manomesso. Ma oggi la vera stangata per gli italiani riguardo il Bancomat sono propri controlli del fisco. Infatti il fisco monitora con grande attenzione proprio il bancomat degli italiani.

Cosa cambia per i correntisti

Qualsiasi abitudine di prelievo al Bancomat viene immediatamente segnalata alla super anagrafe dei conti correnti e all’intelligenza artificiale vera. Sono proprio questi potenti algoritmi a cercare di stabilire qualsiasi operazione che appaia anomala e a far partire i controlli. Questi nuovi controlli secondo il governo porteranno ad un forte abbattimento dell’evasione fiscale e certamente questa è una cosa positiva. Tuttavia quando il procedimento dei controlli si automatizza troppo il rischio è che anche innocenti vengano attenzionati.