Viaggi: truffe e costi fuori controllo. Ecco come puoi evitare brutte sorprese

In questo periodo i viaggi possono costare molto se non si fa attenzione: cosa fa lievitare il prezzo dei biglietti

I problemi con i viaggi in questa estate sono davvero tanti, e non si limitano ai voli cancellati a causa degli scioperi. C’è da fare i conti infatti anche con i rincari dei prezzi, sia per il volo in sé che per i bagagli a mano e per le prenotazioni del posto. In seguito all’allarme lanciato da Assoutenti, sulla questione ha voluto porre l’attenzione Simone Baldelli.

Il presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla tutela dei consumatori ha suggerito ai viaggiatori di controllare bene il costo dei servizi aggiuntivi, che fanno aumentare non poco il prezzo dei voli. La situazione infatti sta peggiorando sempre di più e per sarà così per tutta l’estate, ma non ci sono prospettive di miglioramento neanche per l’autunno.

Viaggi, cosa fa alzare il prezzo dei biglietti

Come denunciato da Assoutenti, il costo effettivo dei biglietti viene ‘mascherato’ dalle compagni aeree, che mettono il consumatore di fronte a una serie di pagine poco comprensibile, con numerosi servizi in aggiunta e benefit che portano ad aumentare sempre di più il prezzo del biglietto in sé. Andando a studiare nel dettaglio la proposta di alcune compagnie low cost, si scopre che il prezzo raddoppia addirittura se si vuole portare il trolley in cabina.

Anche la scelta del posto viene fatta pagare cara (fino a 45 euro). Costa fino a 13 euro invece l’eventuale cambio di data della partenza. Tanti altri costi vanno poi considerati, come il pasto durante il tragitto (10 euro) o i 2 euro per il check-in automatico. Il consiglio quindi è quello di fare molta attenzione e di non aggiungere servizi non essenziale. Baldelli spiega che è necessario “tenere alta la guardia” e sapere anche la legge prevede dei rimborsi in caso di cancellazioni e ritardi. Per quanto riguarda le tempistiche invece il miglior momento per prenotare il viaggio è circa due tre mesi prima.