Modello 730, ecco l’errore che non dovresti mai commettere

Nella compilazione del modello 730 bisogna fare attenzione perché un errore in particolare può costarci oltre 600 euro

Uno degli appuntamenti fissi per i contribuenti rimane chiaramente quello della dichiarazione dei redditi con modello 730. La dichiarazione, come tutti sanno, va presentata ogni anno entro una determinata data e senza commettere errori. Bisogna effettivamente prestare particolare attenzione nella compilazione del modulo, perché un errore molto comune rischia di farci perdere 600 euro o più.

Tuttavia, prima di capire in cosa consiste di preciso l’errore, bisogna sapere che sono coinvolti nella vicenda i genitori con figli al di sotto dei 3 anni di età e per cui si sostengono le spese per l’asilo nido. Quest’ultimi infatti hanno diritto a beneficiare di una detrazione Irpef del 19%, a fronte delle spese sostenute per questo servizio dato ai propri bimbi.

Modello 730, cosa non fare per risparmiare oltre 600 euro

Parliamo di una percentuale da applicare in fase di compilazione del modello 730 e la soglia massima di spesa è pari a 632 euro. Per ogni figlio si può detrarre fino a un massimo di 120 euro circa. Purtroppo tale detrazione non è compatibile con il bonus asilo nido, con quest’ultimo che viene invece pagato dall’Inps. Ecco quindi in cosa consiste l’errore tanto pericoloso, che non va assolutamente commesso.

Pagando le spese dell’asilo nido con i contanti, inoltre, non si ha più diritto alla detrazione Irpef. Per ottenere lo sconto, infatti, la spesa va sostenuta attraverso pagamenti tracciabili come carte di credito o bancomat. Questi sono errori comuni, ma che possono costare oltre 600 euro a un genitore con un figlio sotto i 3 anni. Meglio quindi fare attenzione a questi e dettagli, e sapere che si può usufruire o della detrazione del 19% o del bonus asilo nido, ma non di entrambi gli incentivi.