Aumentare subito i redditi bassi: vediamo il nuovo progetto che può cambiare la vita delle famiglie italiane più in difficoltà

Sia il governo che il mondo della politica si stanno dolorosamente rendendo conto che in Italia il divario sociale tra poveri e ricchi è diventato oramai insostenibile.

Da ultimo anche l’ex ministro Tria ha detto in modo molto chiaro ed esplicito che in Italia bisogna intervenire subito per aumentare i redditi bassi.

ANSA

Ma anche lo stesso Mario Draghi in una recente conferenza stampa ha detto che bisogna intervenire con forza sui redditi più bassi. Vediamo che cosa sta succedendo e quali sono le proposte realmente sul tavolo.

Aumento dei redditi bassi: rivoluzione necessaria

In Italia un lavoratore su quattro percepisce meno del reddito di cittadinanza. In sostanza quindi in Italia i lavoratori poveri sono tantissimi.

Pixabay

Per questi lavoratori poveri andare avanti diventa realmente difficile. Tuttavia proprio con l’arrivo della forte inflazione sono proprio le famiglie più fragili ad avere i problemi più forti. Vediamo gli aiuti già disponibili e quelli che potrebbero cambiare le cose per i redditi bassi. Attualmente disponibile per i redditi bassi ci sono i buoni spesa erogati dai comuni. Oltre ai buoni spesa c’è anche la carta acquisti che garantisce €80 ogni due mesi.

Le novità

Per aiutare le famiglie sul fronte della scuola dei figli ci sono i buoni scuola delle regioni pensati proprio per gli ISEE bassi. Ma tutto questo non basta per sostenere le famiglie con i redditi troppo bassi e quindi sia dalla politica che dal governo cominciano a partire dei progetti decisamente più ambiziosi. Il (futuro) governo di centro-destra propone una flat tax che a suo giudizio potrebbe aiutare l’economia nel complesso. Ma a molti economisti l’idea della flat Tax sembra poco concretamente realizzabile dal punto di vista economico e anche poco utile ai redditi bassi. In più c’è anche da dire che il governo di centrodestra non ama molto le politiche sociali e quindi quando a settembre dovrebbe costituirsi ufficialmente andrà ad eliminare anche il reddito di cittadinanza.

Gli aumenti per i redditi bassi

Ma sono tanti i politici sia di destra che di sinistra che stanno sostenendo con forza la necessità di politiche sociali a sostegno dei redditi più bassi. Giorgia Meloni per esempio a sostegno dei redditi bassi sta parlando del cosiddetto reddito di solidarietà. Il reddito di solidarietà andrebbe ad erogare una cifra importante per 12 mesi alle famiglie con ISEE entro i 15.000€. Quindi il governo di centrodestra per i redditi bassi propone il reddito di solidarietà. Tuttavia il limite di questa proposta è che andrebbe semplicemente a sostituirsi al reddito di cittadinanza ma sarebbe erogato soltanto per 12 mesi.