L’assegno INPS per le mamme disoccupate è mensile ed è un vero aiuto ricco

Purtroppo lo Stato italiano lascia sole le famiglie in difficoltà e non eroga aiuti sociali paragonabili a quelli di tanti altri paesi europei.

Il Governo si impegna entro i limiti del suo bilancio ad aiutare le famiglie ma purtroppo in tanti casi questo impegno non basta.

ANSA

Vediamo come un assegno mensile INPS per le mamme disoccupate possa essere un aiuto veramente prezioso in tanti casi di difficoltà.

Un aiuto importante per le mamme disoccupate

In Italia gli stipendi sono bassi e spesso precari.

Pixabay

Ma sono davvero tanti i genitori che devono mantenere dei figli pur essendo disoccupati. La piaga della disoccupazione in Italia è veramente drammatica e sono tante le mamme single che devono mantenere i figli ma non hanno un vero introito. Parliamo sicuramente di situazioni durissime e purtroppo l’aiuto dello Stato diventa assolutamente necessario. Per una mamma disoccupata che ha i figli a carico c’è l’assegno unico universale ma chiaramente questo non basta.

L’assegno mensile

L’assegno unico universale eroga una cifra mensile in proporzione al numero dei figli ma anche dell’isee. Si tratta ovviamente di un aiuto importante ma la mamma disoccupata può chiedere un assegno mensile all’INPS. Questo assegno va chiesto al comune che poi girerà la domanda all’INPS. La mamma disoccupata deve dimostrare non soltanto di essere disoccupata ma anche di essere entro un certo limite ISEE e di avere avuto un bambino.

Come viene dato alla mamma

Infatti questo assegno si può chiedere da zero a cinque mesi di vita del bambino. Questo aiuto eroga 350 euro al mese nei primi cinque mesi di vita del bambino. E’ veramente prezioso anche se purtroppo è molto limitato nel tempo. Le domande dovranno essere inviate al comune attraverso un CAF oppure direttamente. Il Comune inoltrerà le domande all’INPS che le verificherà e inizierà a pagare questo assegno mensile. Nella domanda si dovrà inserire anche l’IBAN a cui il comune dovrà versare questi soldi. Ma per le mamme che non riescono ad allettare c’è anche il bonus di 70€ al mese. Questo bonus lo mette a disposizione l’ASL e consente di avere 70 euro per il latte artificiale per ogni mese nel quale quello naturale sia poco o assente.