Al supermercato con 600 euro in buoni spesa: come ottenerli

Col nuovo decreto ci sono alcune novità che riguardano i buoni spesi: a chi spettano e quanto si riceve

Grazie al decreto Sostegni bis sono stati rinnovati i buoni spesa 2021. Il provvedimento ha portato anche delle importanti novità in merito, tra cui l’aumento della velocità dei pagamenti e la possibilità di usufruire di tali buoni anche per pagare le bollette e gli affitti. Pertanto non si tratta di buoni solo per i beni di prima necessità, ma proviamo a scendere nel dettaglio.

Il Governo aveva introdotto i buoni spesa già nel 2020 per aiutare economicamente le famiglie che versano in condizioni di difficoltà. Questi sconti, come tutti sanno, servono per acquistare i prodotti alimentari e i beni di prima necessità al supermercato e sono erogati direttamente dal Comune. I requisiti necessari per godere dei buoni cambiano a seconda dell’ente locale di riferimento.

Buoni spesa, quali sono le novità

In linea generica sono presi in considerazione la residenza presso il Comune, il tipo di nucleo familiare (numero di persone e figli) e la situazione del patrimonio immobiliare (case con mutuo, affitto, senza casa). Ma ci sono anche altri requisiti come la disponibilità di denaro sul conto corrente, il reddito dei componenti della famiglia o la situazione lavorativa. Fanno testo anche l’Isee familiare e gli interventi economici pubblici percepiti.

L’importo del buono ha un valore medio di 300 euro, ma può scendere o salire anche di diverse centinaia di euro, fino a 600 euro. I bonus più elevati sono di solito erogati a favore dei nuclei familiari con tante persone. Andiamo però a vedere le novità su questi bonus, che avevamo prima citato.

Intanto col nuovo decreto questi buoni verranno distribuiti in maniera più rapida. E’ stato inoltre istituito un fondo da 500 milioni di euro, di cui la metà spettano alla popolazione residente nei Comuni e l’altra metà è ripartita in base alla distanza tra il valore del reddito pro capite di ciascun Comune e il valore medio nazionale. I buoni possono essere erogati come voucher.