Emergenza bollette, cosa accadrà in autunno

L’emergenza bollette continua e i prezzi continuano a salire in modo vertiginoso: la situazione per i prossimi mesi

La situazione bollette è davvero sempre più difficile da controllare. Un imprenditore di Brescia nel campo dell’acciaio denuncia una bolletta da 100mila euro: un record storico. La situazione nei prossimi mesi non andrà di certo migliorando e lui stesso afferma al Giornale: “Ad agosto siamo chiusi ma abbiamo simulato che agli attuali costi avremo una bolletta di 35mila euro”.

Dodo Beltrami, il primo che lanciò l’ipotesi del lockdown energetico, afferma: “Le industrie avrebbero dovuto coprirsi ma in pochi lo hanno fatto. A settembre 2021 il prezzo del gas è esploso. Tutti pensavano che i prezzi sarebbero scesi ma è scoppiata la guerra”. I trader del gas non sanno più che fare e c’è una speculazione fuori controllo, tra opzioni e coperture bancarie.

Emergenza bollette, le parole di Franceschi

Il rischio di default è molto alto perché dopo il decreto Aiuti gli operatori non possono modificare i contratti fino ad aprile 2023, una scadenza che tra l’altro il Codacons chiede di prolungare ulteriormente. Il fallimento degli operatori si scaricherà comunque sul costo delle bollette. E’ molto prolungato anche Fabio Franceschi, presidente di Grafica Veneta. Queste le sue parole.

“Non stiamo percependo il disastro che arriverà nei mesi di settembre, ottobre e novembre, tra mutui, bollette e aumento dei beni primari. Se i do 200 euro a un mio dipendente devo regalarne 300 allo Stato. Gli sforzi per aiutare i propri dipendenti dovrebbero essere esenti da contributi, altrimenti sarà un massacro”.