Gratta e Vinci e Bitcoin, i due sogni di ricchezza degli italiani: chi diventa ricco davvero

Tanti Italiani sognano di cambiare vita e di avere finalmente la tanto sospirata serenità economica.

Tante volte a fare gola non è tanto la ricchezza, quanto alla fine dell’ansia per il futuro.

Pixabay

Proprio per questo oggi tantissimi italiani richiedono con forza il reddito di base universale. Infatti il reddito di base universale sarebbe una somma minima erogata ad ogni uomo, donna e bambino che farebbe certamente non vivere una vita lussuosa ma altrettanto certamente darebbe quella serenità minima alla quale ognuno ambisce.

Il sogno di cambiare vita

Ma gli italiani sognano la ricchezza e il benessere attraverso i Gratta e Vinci e i Bitcoin.

Pixabay

Parliamo di due realtà ovviamente diversissime e da non confondersi l’una con l’altra. Tuttavia entrambe in modo diverso alimentano i sogni di ricchezza. Partiamo dai gratta e vinci. I Gratta e Vinci sono molto amati dagli italiani. Infatti tanti tanti vanno al tabacchino nella speranza di uscire con un biglietto che possa cambiare loro la vita. Tuttavia come sappiamo le percentuali di vincere al Gratta e Vinci sono molto basse e quindi se non c’è niente di male nel dedicarsi a questo svago è molto importante non spenderci troppo denaro e non farsi grosse illusioni. Ovviamente un discorso completamente diverso vale per il Bitcoin.

Le criptovalute: non adatte a tutti

Il Bitcoin è un vero e proprio investimento ma è anche un investimento molto rischioso da lasciare a chi sia veramente esperto. E’ vero che da quando è nato ad oggi il Bitcoin è aumentato di valore in maniera impressionante e questo chiaramente fa gola a molti. Tuttavia le fortissime oscillazioni di valore e i rischi connaturati a questo tipo di investimento lo rendono anche molto odiato da altri.

Un investimento interessante ma per pochi

Il Bitcoin sicuramente così come tutte le criptovalute è un tipo di investimento che divide molto sia gli esperti che gli aspiranti investitori. Probabilmente non c’è nessun vero motivo per demonizzare le criptovalute che anzi possono anche essere uno strumento interessante. Tuttavia davvero si tratta di strumenti troppo complessi e soltanto chi sia realmente in possesso di determinate competenze può investirci con una certa cognizione.