Agenzia Entrate: controlli ai conti cointestati e anno 2016, Fisco spietato

L’Agenzia delle Entrate sta controllando con sempre maggiore intensità i conti correnti, il bancomat e la carta di credito degli italiani.

Ma dei controlli particolarmente penetranti arrivano per l’anno 2016 e per i conti cointestati vediamo il perché di questa novità.

ANSA

Grazie alla super anagrafe dei conti correnti e ai nuovi algoritmi dell’intelligenza artificiale, l’Agenzia delle Entrate può controllare i conti correnti con una precisione mai vista prima.

Ecco chi viene controllato con più attenzione e perchè

Tutti i conti correnti degli italiani finiscono sotto la lente e chiunque abbia fatto qualcosa che non va sarà sicuramente oggetto di accertamento.

Pixabay

Tuttavia adesso l’Agenzia delle Entrate sta controllando in particolare l’anno 2016. Infatti sono scaduti i termini per le verifiche relative all’anno 2015. Questo vuol dire che qualsiasi regolarità sia accaduta nel 2015 o anche prima l’Agenzia delle Entrate non la può più contestare. Questo vuol dire che il prossimo anno a scadere sarà proprio il 2016 e quindi l’Agenzia delle Entrate si sta concentrando proprio per scoprire tutte le irregolarità avvenute nel 2016.

Conti cointestati sotto la lente: ecco chi trema

Quindi adesso il fisco sta controllando proprio quell’anno perché se non agisce in fretta scadranno i termini e non si potrà più contestare nessun illecito. Ma controlli particolarmente penetranti arrivano anche a carico dei conti correnti cointestati. Infatti i conti correnti cointestati sono tenuti particolarmente sotto controllo dall’agenzia delle entrate perché possono essere uno strumento di evasione fiscale ma anche di riciclaggio di denaro sporco. Tra l’altro ultimamente la Cassazione ha anche stabilito un orientamento decisamente più restrittivo per quello che riguarda i conti correnti cointestati e quindi questo significa che i cointestatari devono fare ancora maggiore attenzione.

Tutti sono nel mirino

Con i nuovi controlli informatizzati, qualsiasi anomalia sui conti contestati sarà immediatamente sanzionata e oggetto di accertamento. Ma non bisogna credere che i conti non cointestati e gli altri anni non siano controllati dal fisco. Infatti oggi l’agenzia delle entrate può incrociare una vera e propria montagna di dati e così per tanti sfuggire sarà difficile.