Bonus €200 per le partite IVA: come funziona il click day e i tanti che saranno esclusi

Il bonus €200 continua a far discutere e le polemiche non mancano.

Le partite IVA finalmente hanno capito come ricevere i €200 del bonus ma anche qui ci sono una serie di problemi e di limiti. Cerchiamo di capire come funzionerà l’erogazione dei 200€ per le partite IVA.

ANSA

Innanzitutto numerose polemiche riguardo il bonus 200 euro ci sono state perché dal bonus sono state escluse proprio le categorie più fragili.

Come richiederlo

Infatti le casalinghe e gli inoccupati sono stati esclusi dal bonus di €200 e questo ha fatto storcere il naso molte associazioni italiane di volontariato che da tempo stanno sottolineando come proprio i più fragili della società siano costantemente dimenticati dagli aiuti di Stato. Ma in particolare dei problemi specifici ci sono anche proprio per la questione del bonus 200 euro relativamente alle partite IVA. Infatti innanzitutto il metodo scelto cioè quello del click Day spesso ha creato dei problemi. In secondo luogo la data del click day non è ancora assolutamente chiara. Inoltre c’è il problema che a poter beneficiare del bonus 200 euro non saranno proprio tutte le partite IVA.

La domanda ed i problemi

Cerchiamo di capire perché. Il bonus per i 200€ delle partite IVA andrà richiesto alla propria cassa di appartenenza.

Pixabay

Quindi quando richiede il bonus di €200 la partita IVA dovrà presentare domanda proprio alla propria cassa previdenziale di appartenenza. In questa domanda si dovrà specificare che non si è già presentata la domanda anche ad un’altra cassa previdenziale. Infatti sono tante le partite IVA che sono iscritte a più casse previdenziali ma questo implica che se si deve presentare la domanda ad una bisogna prima chiarire che non si è già presentata la domanda ad un’altra cassa previdenziale.

Come fare domanda e cosa specificare

Inoltre sempre nella domanda la partita IVA dovrà specificare che non ha già chiesto il bonus di €200 ad altro titolo. Per esempio il professionista che sia anche un insegnante, se richiede il bonus di €200 come partita IVA al click Day dovrà specificare di non avere già ricevuto il bonus di €200 come insegnante. Ma un altro problema riguarda anche il fatto che le nuove partite IVA non potranno richiedere il bonus di €200. Infatti per poter richiedere questo bonus è necessario che si sia fatto almeno un versamento alla cassa previdenziale di appartenenza. Dunque chi non ha fatto questo non potrà ricevere i €200 del bonus.