Un bonus ricchissimo che mette nelle tasche delle famiglie addirittura €1000 per ogni figlio è a disposizione di tutte le famiglie italiane.

Si tratta di uno degli aiuti più ricchi per quello che riguarda i figli a carico e quindi è molto importante conoscerlo.

Pixabay

Oggi le famiglie italiane sono sempre alla ricerca di bonus e di aiuti perché purtroppo la situazione economica è diventata sempre più dura e sempre più precaria.

Un bonus da ben 1000 euro

La tensione sociale in Italia aumenta e molti sostengono che ben presto potrebbe essere addirittura istituito il reddito di base perché troppe famiglie non ce la fanno ad andare avanti. Tuttavia in attesa del reddito di base (che però è tutt’altro scontato) le famiglie italiane hanno a disposizione alcuni aiuti per riuscire ad andare avanti. L’aiuto principale per le famiglie italiane è l’assegno unico universale. L’assegno unico universale mette nelle tasche delle famiglie una determinata cifra in proporzione all’isee e anche in proporzione al numero dei figli. L’assegno unico universale sarà aumentato dell’8% a partire dal 2023 proprio per adeguarlo all’inflazione.

Cumulabile

Tuttavia l’assegno unico universale da solo chiaramente non può sicuramente aiutare le famiglie per le tantissime spese dei figli.

Pixabay

Quindi ci sono pochi altri bonus che possono essere cumulati al segno unico. Uno dei pochi bonus che può essere cumulato all’assegno unico è il bonus nido che arriva ad erogare fino al massimo di 3000 euro per coprire le spese del nido pubblico e privato. Ma oltre al bonus nido, per i ragazzi più grandi c’è il bonus musica. Il bonus musica si può chiedere dai 5 ai 18 anni di età del ragazzo ed è una detrazione IRPEF al 19%.

Lo possono chiedere anche entrambi i genitori

Dunque una detrazione fino al massimo di €1.000 che va ad agevolare tutte le spese per l’educazione musicale. Quindi non sono soltanto le spese del conservatorio a poter essere agevolate con i €1000 del bonus musica ma anche le spese per le scuole e corsi di musica di vario genere. Tuttavia per agevolare le spese relative all’educazione musicale c’è la necessità che tutti i pagamenti siano avvenuti in modalità tracciabile e che ci sia una prova certa di questo pagamento. Il bonus musica può essere richiesto sia dalla mamma che dal papà anche contemporaneamente ma sempre entro il limite dei €1000 per ogni singolo figlio. Dunque si tratta di un aiuto molto interessante per le famiglie italiane anche perché comunque è uno dei pochissimi richiedibili insieme all’assegno unico.

Impostazioni privacy