Il bonus da €200 continua a fare discutere perché è una misura sicuramente utile ed è una misura che è stata resa sicuramente più inclusiva e che è stata estesa anche nel tempo.

Ma oggi arriva anche un bonus da €600 che può essere molto utile specialmente vista la forte inflazione.

ANSA

Vediamo di capire che cosa sta succedendo. Innanzitutto il bonus da €200 ritorna a settembre per le partite IVA.

Bonus 200 euro ritorna

Infatti le partite IVA fino ad oggi non sono riuscite ad avere il bonus da €200 ma il governo ha predisposto un click Day nel quale la partita IVA potrà effettivamente richiedere questo bonus.

Pixabay

Al momento della richiesta del bonus di €200 la partita IVA dovrà sottolineare che non ha già richiesto il bonus da €200 ad un altro ente previdenziale. Infatti bonus €200 le partite IVA lo dovranno richiedere al proprio ente previdenziale ma per poterlo richiedere c’è bisogno di non averlo già chiesto ad un altro ente previdenziale e di non averlo nemmeno richiesto come dipendenti. Nei prossimi mesi poi il bonus tornerà anche per altre categorie come per esempio per i lavoratori domestici.

Arriva anche quello da 600 euro

Infatti i lavoratori domestici o anche tutta un’altra lunga serie di categorie tra ottobre e novembre potranno avere accesso anch’essi al bonus di 200€. Tuttavia il bonus di €200 si può richiedere soltanto una volta e quindi chi sperava di poterlo richiedere più volte e quindi di poter beneficiare di un aiuto più forte resta sicuramente deluso. Ma se il bonus da €200 purtroppo non ritorna è stato previsto un bonus da €600 che i dipendenti possono avere in busta paga.

Come averli

Si tratta del bonus luce e gas che il datore di lavoro può erogare al dipendente direttamente in busta paga e che non viene poi tassato. Quindi per il lavoratore e per il datore di lavoro c’è il vantaggio che questo bonus non viene trattato come reddito e quindi è completamente esentato dalle tasse. Tuttavia gli italiani chiedono con forza aiuti sociali più consistenti e sempre più spesso si parla con rabbia del fatto che in Italia non sia mai partito il reddito di base universale che tanti stanno richiedendo con forza.

Impostazioni privacy