E’ stata introdotta la libertà di chiudere balcone e terrazzo: ecco come “l’abuso” ora è diventato lecito grazie ad una novità contenuta nel Decreto Aiuti bis.

Mediante il Decreto Aiuti bis è stato dato il via libera all’installazione di alcuni particolari tipi di vetrate che difatti sono state inserite nell’elenco dei lavori di edilizia libera. Dunque, cambia la normativa in merito ad una tipologia di interventi piuttosto regolamentato.

Nello specifico, coloro che sono intenzionati a chiudere un balcone o anche un terrazzo d’ora in poi potranno farlo senza che risulti necessario chiedere l’autorizzazione.

Libertà di chiudere balcone e terrazzo:

Si tratta dunque di una importante novità che dà il via libera alle Vepa. Nello specifico, l’Associazione italiana vetrate a risparmio energetico, Assvepa, ha chiarito che con il predetto acronimo si fa riferimento a strutture trasparenti in grado di ridurre la dispersione termica e dunque a risparmio energetico, atte anche alla protezione e alla messa in sicurezza balconi e verande che non vengono utilizzati. Ciò detto, prima la loro installazione era regolamentata secondo indirizzi diversi. In poche parole, ciascun Comuni stabiliva in maniera autonoma se vietare o accordare il permesso per l’inizio dei lavori. Oggi arriva finalmente una novità, chiara e valida per tutti.

In particolare, è stato stabilito che in presenza di determinati requisiti, le Vepa possono essere installate senza chiedere permessi e concessioni. Tra i requisiti c’è quello che non devono creare volumi e quindi diventare spazi chiusi permanentemente. Oltre a ciò, devono apportare una serie di vantaggi come, ad esempio, quello di migliorare le prestazioni degli interni dal punto di vista energetico e di schermatura e ombreggiatura. Va detto poi che oltre alle installazioni in esame, la normativa introdotta dal Decreto Aiuti bis riguarda anche i sistemi che vengono ideati per poter ridurre la dispersione termica al fine di un risparmio energetico più alto. Tali sistemi prendono il nome di: giardini d’inverno. Questi solitamente da uno scheletro di ferro, alluminio o legno. In ogni caso si tratta di una novità che in molti attendevano e che dunque va a facilitare e semplificare l’iter burocratico dapprima previsto, consentendo a chi intende chiudere un balcone o un terrazzo di beneficiare della nuova normativa.

Impostazioni privacy