Esenzione per il pagamento del Canone Rai, ecco i moduli

Torna la scadenza per il pagamento del Canone Rai in riferimento all’anno 2022: il Fisco ha creato dei moduli appositi per ottenere l’esenzione.

Sapevate che è possibile ottenere l’esenzione dal pagamento del Canone Rai? La tassa è obbligatoria e viene pagata annualmente per una cifra di 90 euro.

Esenzione Canone Rai

La somma è stata incorporata da qualche anno alle bollette della corrente elettrica, per cercare di contrastare il fenomeno di evasione fiscale. In questo modo è possibile rateizzare il Canone e pagarlo in rate con importi più piccoli e comodi.

Nonostante per molti 90 euro ogni 12 mesi possano sembrare una cifra irrisoria, per molti soggetti non è così. A volte anche una piccola cifra può essere una grande somma di denaro per chi vive in condizioni di indigenza.

In questi mesi di grave crisi economica la stragrande maggioranza degli italiani può quantomeno in parte immedesimarsi nella stessa situazione. Sono tante le famiglie che quest’estate sono arrivate a stento a fine mese.

Le prospettive per il futuro non sono delle migliori, dato che la risoluzione della causa principale di questa crisi energetica ed economica non sembra voler accennare ad avvicinarsi.

Stiamo ovviamente parlando del conflitto tra Russia ed Ucraina, delle relazioni internazionali e delle pretese venutesi a creare anche tra l’estremo occidente americano e quello europeo con il colosso del Cremlino.

Esenzione Canone Rai: a chi spetta e come ottenerla

L’esenzione dal pagamento del Canone Rai non viene concesso soltanto a chi verge in situazioni di povertà. Infatti oltre agli over 75 con un reddito inferiore agli 8 mila euro, sono tanti i possibili beneficiari.

Canone Rai in bolletta

Può richiedere l’esenzione chi non possiede una tv o altri apparecchi per la ricezione del degnale televisivo, gli invalidi civili in degenza in casa di riposo, ma anche semplicemente tutti i soggetti titolari di un contratto di fornitura elettrica per un’abitazione nel quale non è residente.

In questo caso potrebbe succedere per delle case in affitto o seconde case adibite a casa vacanze. E ancora spetta anche ai militari delle Forze Armate Italiane per apparecchi usati in sale e luoghi comuni (ospedali, sale convegni ecc).

Infine ne hanno diritto tutti i militari della NATO e gli agenti diplomatici e consolari (soltanto se nel loro paese agli Italiani è concessa l’esenzione per la stessa tassa).

Per ottenere l’esenzione è necessario inviare l’apposita richiesta all’Agenzia delle Entrate, che quest’anno ha messo a disposizione dei moduli aggiornati, scaricabili dal sito dell’Agenzia.