Patente di guida, arriva il bonus di 2500 euro

Adesso i cittadini potranno approfittare di questo nuovo bonus per ottenere la patente. Ecco tutte le novità.

In un periodo di grave crisi economica, il Governo ha deciso di stanziare nuovi fondi che serviranno a tanti cittadini disoccupati per ottenere la patente di guida. Ecco come fare per ricevere il voucher di 2500 euro.

Bonus Patente

C’è questa nuova possibilità per tutte le persone che hanno un’età compresa tra i 18 e i 35 anni che potranno fare richiesta per ottenere il voucher da 2500 euro che servirà ad ottenere una patente di guida. Il beneficio è attivo per l’anno 2022 con un finanziamento complessivo di 3,7 milioni di euro. Ecco come fare per ottenere i soldi.

Patente di guida, arriva il bonus di 2500 euro

Il beneficio serve a coprire l’80 per cento dei costi relativi alle spese che servono per ottenere la patente e l’abilitazione per la guida di veicoli destinati all’autotrasporto di merci o persone. Un modo, questo, anche per incentivare i giovani a trovare lavoro in questo settore che ha bisogno di personale. Ecco perché lo Stato finanzia e contribuisce alle spese per tutti quelli che intendono conseguire questo tipo di patente.

Anche nei prossimi anni il Governo stanzierà altri fondi: un investimento complessivo che arriverà fino a 5,4 milioni di euro. La scadenza per richiedere il bonus, infatti, è fissata al 31 dicembre 2026.  Per ottenere il voucher da 2500 euro per la patente, è necessario registrarsi al sito del MEF. Successivamente, una volta completata la registrazioni, bisognerà compilare l’istanza e verificare la propria identità attraverso lo Spid, Cie o Cns.

Bonus Patente

Nuovo bonus, cosa devi sapere

Solo dopo aver completato tutti questi passaggi si potrà scaricare il voucher dal valore di 2500 euro, spendibile in tutte le autoscuole abilitate. I soldi, infatti, saranno accreditati a queste strutture che ti permettono di ottenere la patente di abilitazione per trasportare persone o merci. La durata del voucher è di sessanta giorni in caso di mancato utilizzo ci sarà la possibilità di richiederlo di nuovo.