Reddito, arriva il limite d’età

Il reddito di cittadinanza sta andando incontro a diversi cambiamenti sotto il Governo della coalizione di centrodestra. Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia non sono mai stati a favore del sussidio e intendono metterlo a posto portando diverse modifiche. Principalmente e sopratutto alla quantità di persone che potranno percepirlo.

Per il momento sono soltanto ipotesi quelle che escono dagli uffici di Palazzo Chigi, ma danno l’idea del grosso cambiamento che subirà il reddito di cittadinanza nei prossimi tempi. Particolarmente inviso al nuovo Governo, il sussidio contro la povertà inserito dal primo governo Conte andrà incontro a una drastica diminuzione del bacino dei percettori. Si parla addirittura di un limite di età anagrafica.

Cambio delle regole del reddito di cittadinanza
Foto ANSA

Giorgia Meloni ha parlato più volte del reddito di cittadinanza durante la campagna elettorale. Secondo l’attuale premier, la misura ha fallito nel suo intento di revitalizzare il mondo del lavoro e sta venendo sfruttata soltanto come sussidio statale a cui si appoggiano persone che non possono o vogliono lavorare. Per questa funzione, sostiente il premier, il reddito di cittadinanza può funzionare con metà degli 8 miliardi di euro con cui è stato finanziato nel 2022.

Cambiamenti del reddito di cittadinanza. Limite d’età

L’obiettivo è proprio quello di modificare la misura perché ne possano usufruire quelle persone che non hanno altra possibilità. Ci sono moltissmi italiani che, a causa di invalidità o altri impedimenti non hanno la possibilità di lavorare. Per loro il reddito di cittadinanza è essenziale per sopravvivere. A questi Giorgia Meloni ha promesso che non sarà tolto il sostegno che lo Stato ha loro riconosciuto.

Il discorso cambia per tutti quanti gli altri. Nella fattispecie persone in età da lavoro e con piena possibilità di lavorare. Secondo quanto trapela dai discorsi di Fratelli d’Italia, il reddito di cittadinanza potrebbe essere tolto a tutte le persone dai 18 ai 59 anni senza figli a carico che, secondo le definizioni del Governo, sarebbe idoneo al lavoro.

Annunci di lavoro
Foto ANSA

Per il momento sono soltanto ipotesi, non è ancora confermato nulla di come e fino a che punto il reddito di cittadinanza sarà modificato. Gli stessi esponenti di Fratelli d’Italia sottolineano che questo cambiamento non sarà immediato, ci saranno dei passaggi intermedi per permettere alle persone di adattarsi alle nuove regole. In particolare si parla di un potenziamento della NASPI.