Tra qualche mese molte persone non avranno più la ricarica della tessera del Reddito di Cittadinanza. In arrivo brutte sorprese per alcuni precettori.

Il Reddito di Cittadinanza ha i mesi contati. Il Governo di Giorgia Meloni ha infatti da tempo predisposto una modifica per quanto riguarda i requisiti dei precettori del sussidio. Già in campagna elettorale Fratelli d’Italia aveva annunciato una sostanziale modifica del Reddito ed ora si passa ai fatti.

reddito di cittadinanza
Reddito di Cittadinanza, quando ci sarà l’ultima ricarica – investiresulweb

Secondo le stime dell’ufficio parlamentare di bilancio la stretta decisa dal governo Meloni potrebbe far perdere il beneficio al 38.5% dei nuclei familiari (e al 23% delle persone) che oggi lo ricevono. Circa 400 mila famiglie, più di mezzo milione di individui.

Numeri che impongono di mantenere i riflettori ben accesi e puntati sulle eventuali conseguenze sociali. Giorgia Meloni ai microfoni de Il Sole 24 Ore ha confermato il nuovo RdC: “Il reddito di cittadinanza è una misura che ha fallito tutti gli obiettivi per i quali era nata. Non ha abolito la povertà e non ha creato posti di lavoro.

Uno dei tanti errori del reddito di cittadinanza è stato proprio questo: mescolare gli strumenti di contrasto alla povertà e di assistenza con le politiche attive del lavoro”.

Chi rischia di perdere il reddito di cittadinanza dopo luglio 2023: le ultime

A rischio sono principalmente i cosiddetti occupabili, cioè le persone che hanno sottoscritto il Patto per il lavoro presso i Centri per l’impiego. Si tratta di circa 660mila persone. A queste si potrebbero aggiungere circa altre 200mila persone, che già lavorano, ma hanno stipendi così bassi da possedere i requisiti per rientrare tra i percettori reddito di cittadinanza.

Si tratta di chi è occupato in settori dove non esiste un salario minimo. Il Governo farà una conta di quali precettori sono considerati occupabili e quindi non più in linea con il nuovo RdC. Il taglio dunque non sarà netto ma programmato nel tempo.

In linea di massima l’ultima ricarica della carta del reddito di cittadinanza per gli ‘occupabili’ sarà tra luglio ed agosto 2023.

Il nuovo Reddito di Cittadinanza del Governo Meloni

dal 1° gennaio 2023 alle persone tra 18 e 59 anni (abili al lavoro ma che non abbiano nel nucleo disabili, minori o persone a carico con almeno 60 anni d’età) il reddito di cittadinanza viene riconosciuto solo per 7 mensilità invece delle attuali 18 rinnovabili. Nel testo della manovra inviato alle Camere vengono introdotte anche altre novità.

reddito di cittadinanza soldi
Brutte notizie per alcuni precettori reddito cittadinanza- investiresulweb

A partire dal 2023 anche chi rifiuterà una sola offerta di lavoro perderà il beneficio e sarà obbligatorio frequentare un corso di formazione o riqualificazione professionale (pena la decadenza del sussidio).

Intanto sono davvero tante le manifestazioni contro i nuovi requisiti del Reddito di Cittadinanza del Governo Meloni. Si rischia davvero una sorta di battaglia sociale ma era piuttosto prevedibile. Sul sussidio in questi anni sono state davvero tante le truffe. Molti hanno percepito l’importo pur non avendone diritto.

Abbiamo letto che tra i precettori figuravano anche persone affiliate a clan della malavita e non solo. A pagarne le conseguenze sono coloro che invece con il Rdc avevano avuto una dignità di vita in attesa di avere un’occupazione adeguata.

Impostazioni privacy