Quando bisognerà spegnere i caloriferi quest’anno? Ecco la mappa dettagliata con tutte le date a partire dalle quali non si potrà più avere il riscaldamento acceso.

L’inverno appena concluso si stima sia stato il più caldo a partire dal 1850. Rispetto al periodo 1980-2010 il C3S, ovvero il Copernicus Climate Change Service, ha rilevato una temperatura superiore alla media di addirittura +3.4°C. Più ci si sposta ad est dell’Europa, più l’anomalia rispetto agli anni passati diventa evidente.

termosifoni quando si spengono
Riscaldamento in casa, quando bisognerà spegnere i caloriferi – Investiresulweb.it

A Mosca, infatti, si sono registrati ben 6.3°C in più rispetto agli anni precedenti. Se già l’inverno 2021-22 era stato il più siccitoso degli ultimi 63 anni, la stagione 2022-23 batte ogni record negativo, soprattutto per quanto riguarda le precipitazioni. Legambiente, infatti, ha lanciato l’allarme segnalando che 9 piste da sci su 10 utilizzano neve artificiale.

Riscaldamento in casa, quando si spegneranno i caloriferi

L’anno 2022 è stato segnato dalla forte inflazione nel settore energetico. L’ISTAT registra un aumento dei prezzi energetici che sfiora il 70%. Per questo motivo, le temperature superiori alla media hanno consentito agli italiani di tenere il riscaldamento più basso, risparmiando sui costi delle bollette di luce e gas che sono diventate molto più care.

Come ogni anno, c’è una data a partire da cui i caloriferi devono essere definitivamente spenti in vista dell’arrivo della stagione più calda. Le date sono stabilite secondo la suddivisione dell’Italia in sei zone climatiche, individuate in base alle temperature simili che contraddistinguono ciascuna area della nostra penisola.

Tutte le date in cui si dovrà spegnere il riscaldamento in Italia

La maggioranza dei comuni italiani dovranno spegnere i caloriferi il prossimo 7 aprile. Questa è la data indicata per tutti i comuni che fanno parte della zona E. A titolo di esempio, ne fanno parte Alessandria, Bologna, Gorizia, Milano, L’Aquila, Ravenna, Trieste, Vercelli, ovvero all’incirca la zona della pianura padana e la zona appenninica.

termosifoni quando si spengono
Ecco la mappa che indica quando si spegneranno i caloriferi: è divisa in 6 fasce – Investiresulweb.it

Anche nella zona D bisognerà spegnere i caloriferi il 7 aprile. In questa categoria rientrano i comuni che dagli appennini si estendono fino alla costa adriatica e tirrenica. Ad esempio, in questa zona troviamo i comuni di Avellino, Chieti, Forlì, Genova, La Spezia, Livorno, Macerata, Pisa, Roma, Savona, Siena, Teramo e Trani.

Quali sono i comuni che non dovranno rispettare alcune data per il riscaldamento

La zona C si estende nei comuni dell’area adriatica settentrionale, ed è pronta a spegnere il riscaldamento il prossimo 23 marzo. Ne fanno parte, per esempio, i comuni di Cagliari, Caserta, Imperia, Napoli, Taranto e Salerno. Anche nella zona B, ovvero nella costiera tirrenica, si sono spenti i caloriferi il 23 marzo. Di questa zona fanno parte i comuni di Catania, Palermo, Reggio Calabria, Siracusa e Trapani.

La zona A non fa più uso del riscaldamento già dal 7 di marzo. Sono pochi i comuni che fanno parte di questa area che accende i caloriferi ogni anno il 1° dicembre, e più precisamente sono Linosa, Lampedusa e Porto Empedocle. Per quanto riguarda la zona F, la più fredda d’Italia, non ci sono regole riguardo l’accendimento o lo spegnimento.

Impostazioni privacy