Webuild news azioni: al via in Usa progetto per ridurre rischio alluvioni

Webuild news azioni: al via in Usa progetto per ridurre rischio alluvioni

Lane, società americana di Webuild, ha iniziato i lavori per la realizzazione del progetto idrico di sostenibilità ambientale Kansas Citys Levees Flood Risk Reduction Project, per contenere il rischio inondazione dei distretti industriali e commerciali di Kansas City, oltre 27.000 residenti e 2.700 attività, inclusa una delle più grandi reti di scalo ferroviario degli Stati Uniti. Commissionato dallo U.S. Army Corps of Engineers, spiega una nota, il contratto ha un valore di 258 milioni di dollari e prevede l’innalzamento per 1,2 metri di oltre 27 chilometri di argini e pareti alluvionali lungo il fiume Kansas, nei distretti Argentine, Armourdale e Central Industrial District (CID) Levee, negli stati del Kansas e del Missouri. I lavori, da terminare entro il 2026, rientrano in un più ampio programma di potenziamento della resilienza del sistema di argini e pareti alluvionali esistente nell’area. Nella stessa area, Lane è già impegnata su un ulteriore progetto di potenziamento degli argini, il Blue River Basin. Inoltre impegnata nel settore acque in tutti gli Stati Uniti, con progetti come la creazione di un bacino idrico nel sud della Florida, parte di un piano di riqualificazione dei terreni paludosi e delle acque reflue delle Everglades, nonché con lo scavo di gallerie per la gestione delle inondazioni e per il trattamento delle acque, a Washington, DC, a Seattle e a Fort Wayne. Il progetto rientra in una più ampia strategia di sostenibilità ambientale del Gruppo Webuild. Webuild è infatti tra le prime società a livello mondiali nelle infrastrutture per il settore acqua ed è attivo nell’intero ciclo idrico, dall’approvvigionamento a fini potabili e irrigui al trattamento finale delle acque reflue. Vanta una vasta esperienza nella realizzazione di dighe ad uso potabile e irriguo, nonché opere di adeguamento delle infrastrutture di gestione delle acque reflue urbane, al fine di rendere le infrastrutture resilienti ai sempre più frequenti fenomeni atmosferici estremi, proteggendo le aree interessate da allagamenti e prevenendo l’inquinamento. Attraverso la controllata Fisia Italimpianti, è leader nella progettazione sostenibile e nella realizzazione di impianti per il trattamento delle acque e per la dissalazione, oltre che per la gestione dei rifiuti solidi urbani e per la dissalazione tramite fonti rinnovabili, in particolare in aree soggette a stress idrico come il Medio Oriente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *