Secondo reuters fallisce la trattativa tra stato e Unicredit per l’ acquisto della totalità delle azioni MPS

Secondo reuters fallisce la trattativa tra stato e Unicredit per l’ acquisto della totalità delle azioni MPS

Il governo italiano e UniCredit  si stanno preparando a bloccare le trattative per la vendita della banca in difficoltà Monte dei Paschi dopo che gli sforzi per raggiungere un accordo su un costoso piano di ricapitalizzazione sono falliti, hanno detto due fonti a Reuters.

 

La decisione complicherebbe gli sforzi del governo del primo ministro Mario Draghi per rispettare la scadenza della metà del 2022 concordata con le autorità dell’Unione europea per riprivatizzare la banca salvata da Roma nel 2017.

 

 

L’Italia vede da tempo una fusione con Unicredit, come la migliore soluzione per la banca toscana, che ha in programma di raccogliere 2,5 miliardi di euro (2,9 miliardi di dollari) di capitale il prossimo anno.

 

Ma le fonti hanno affermato che i termini di una potenziale vendita concordati da UniCredit e dal Tesoro italiano quando sono entrati in trattative esclusive il 29 luglio hanno reso il piano di fusione troppo costoso un’alternativa a una ricapitalizzazione autonoma.

 

 

Un pacchetto di ricapitalizzazione del valore di oltre 7 miliardi di euro era apparso “troppo punitivo” per i contribuenti italiani dopo aver speso 5,4 miliardi di euro per salvare la banca quattro anni fa, secondo una delle fonti.

 

Roma dovrà ora ottenere l’autorizzazione da Bruxelles per pompare più soldi nel Monte dei Paschi senza un piano in mano per vendere la quota del 64% dello Stato. Dovrà anche negoziare un nuovo accordo con le autorità europee per l’uscita.

 

 

UniCredit, l’istituto di credito n. 2 in Italia, e il Tesoro hanno rifiutato di commentare.

 

Azioni UniCredit aveva iniziato a discutere un possibile acquisto delle MPS azioni sotto il precedente CEO Jean Pierre Mustier. Ma il suo successore, Andrea Orcel, che è subentrato ad aprile, ha alzato il tiro, mirando a un accordo solo per le parti più redditizie della banca.

 

 

UniCredit aveva affermato di volere solo filiali di MPS nelle regioni più ricche del nord e del centro e di non accettare prestiti inaciditi o rischiosi o rischi derivanti da cattiva gestione.

DIVARIO DI VALUTAZIONE

 

 

Dopo aver concluso la sua analisi di due diligence a settembre, UniCredit ha presentato al Tesoro richieste dettagliate basate sui termini di luglio all’inizio di questo mese. Mirava a raggiungere una decisione prima di una riunione del consiglio di amministrazione del 27 ottobre per approvare i risultati trimestrali.

 

Le fonti hanno affermato che le parti hanno trovato impossibile colmare il divario nelle loro valutazioni sulle esigenze di ricapitalizzazione di MPS, una differenza che una persona ha stimato in 2,5 miliardi di euro.

 

 

A complicare le cose, questa settimana sono riemersi disaccordi sulle attività da vendere, con il governo che ha spinto per includere il ramo dei servizi di capitale di MPS e la sua unità di leasing e factoring, hanno affermato due fonti.

 

Inoltre, i negoziatori hanno mercanteggiato sul modo in cui UniCredit ha calcolato i suoi adeguamenti al fair value sulle passività di MPS, che è diventato un altro importante ostacolo insieme alle dimensioni e ai costi dei tagli di posti di lavoro che l’Italia ha dovuto provvedere, ha detto la prima fonte.

 

“Nessun accordo è possibile alle condizioni di UniCredit in questo momento. Ma lo stesso quadro che è stato offerto a UniCredit potrebbe essere applicato a un piano autonomo”, ha detto la fonte.

 

Roma ha già esaminato i possibili benefici di una strategia autonoma, che vedrebbe il Tesoro attuare parti delle misure offerte a UniCredit, tra cui un aumento di capitale del valore di diversi miliardi di euro, ha detto questa fonte.

 

 

Se il piano autonomo andrà avanti, MPS si libererà anche dei suoi restanti prestiti inaciditi – che andrebbero al gestore di crediti inesigibili di proprietà statale AMCO – e di eventuali rischi legali non ordinari che verrebbero ritagliati e garantiti dallo stato.

Secondo il piano preparato dai consulenti del Tesoro Bank of America e Orrick per la vendita a UniCredit, i rischi legali di MPS derivanti dalla cattiva gestione sarebbero trasferiti alla Fintecna, di proprietà statale, secondo un documento riservato visionato da Reuters.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *