Milan società, dimezza rosso in 2020-21 grazie ad aumento ricavi diritti TV

Milan società, dimezza rosso in 2020-21 grazie ad aumento ricavi diritti TV

Il Milan ha chiuso l’esercizio finanziario 2020-21 con una perdita di 96,4 milioni di euro, più che dimezzata rispetto al rosso record di 194,6 milioni di euro del 2019-20, in virtù dell’effetto positivo combinato tra performance sportiva, aumento dei ricavi e ulteriore ottimizzazione delle spese.

 

E’ quanto si legge in un comunicato della società al termine dell’assemblea che ha approvato il consuntivo finanziario della stagione conclusa il 30 giugno, in cui tutte le partite si sono disputate senza pubblico sugli spalti per contenere la diffusione dell’epidemia da coronavirus.

 

Alla riduzione del passivo e all’aumento dei ricavi complessivi hanno contribuito maggiori proventi da diritti audiovisivi per 75 milioni di euro, legati alla positiva performance sportiva in campionato, con il raggiungimento del secondo posto, nonché alla partecipazione alla Uefa Europa League.

 

Nel precedente esercizio, in cui il Milan era stata esclusa dalle competizioni europee, l’incasso da diritti TV si era fermato a 63,4 milioni di euro.

 

L’impatto della pandemia sui conti 2020-2021 del club controllato dal fondo Usa Elliott, è quantificabile in circa 55 milioni di euro tra mancati introiti da biglietteria e da ricavi commerciali, in piccola parte compensati da minori costi di gestione dello stadio, si legge.

Intervista a Paolo Scaroni

“E’ stata un’assemblea dove sono passate tutte le delibere all’unanimità. È stata approvata la perdita dell’esercizio chiusa a 98 milioni per il bilancio d’esercizio mentre il consolidato è di 96,4. Gordon Singer è entrato a far parte del cda al posto di Gianluca D’Avanzo. Per lo stadio, sono convinto che non potremo tornare protagonisti se non avremo stadi moderni, comparabili a quelli delle squadre con cui giochiamo in Champions League. Sono quasi due anni che ne parliamo, lunedì abbiamo avuto un incontro con Sala e ne sono uscito confortato. Il sindaco concorda sul fatto che serva uno stadio di livello per far sì che le due squadre milanesi smettano di vendere i loro gioielli. Serve uno stadio che aumenti le nostre entrate e che la partita diventi un evento. Ho avuto parole di rassicurazione da parte del sindaco. Dobbiamo mettere a punto dei dettagli sui progetti di Real Estate. Siamo ottimisti, fiduciosi, ci stiamo muovendo con rapidità per iniziare quanto prima”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *