Leonardo azioni: 229 mln utile netto primi 9 mesi

Leonardo azioni: 229 mln utile netto primi 9 mesi

Nei primi nove mesi dell’anno Leonardo ha realizzato un risultato netto di 229 milioni di euro, in aumento del 67,2% rispetto ai primi nove mesi del 2020. Il risultato netto ordinario, pari a 229 milioni, è in aumento del 69,6%. Gli ordini, si legge in un comunicato, si attestano a 9,266 miliardi, in crescita dell’8,9% rispetto ai primi nove mesi del 2020. In particolare, il gruppo sottolinea l’ottima performance commerciale della componente Europea del settore Elettronica per la Difesa e Sicurezza e della componente di Velivoli dell’Aeronautica. Il settore Elicotteri evidenzia una flessione influenzata dall’acquisizione, nel periodo a confronto, dell’ordine Imos, mentre nel settore Aeronautico perdura il calo della componente civile. Il portafoglio ordini, pari a 35,235 miliardi (+0,7%), assicura una copertura in termini di produzione equivalente pari a circa 2,5 anni. I ricavi aumentano a 9,564 miliardi (+6%) e proseguono il trend di crescita iniziato nel 2021, trainati dall’andamento dell’Elettronica per la Difesa e Sicurezza, dalla componente Velivoli dell’Aeronautica e, in misura inferiore, degli Elicotteri. Il trend di crescita è solo in parte attenuato dalla prevista riduzione in Aerostrutture, che continua a risentire della flessione dei rate produttivi sul B787 e Atr. L’Ebita, pari a 607 milioni (Ros del 6,3%), registra una crescita del 22,1% con un sensibile incremento in tutti i settori di business ad eccezione di Aerostrutture, per effetto dei maggiori volumi di ricavi e del miglioramento della redditività, cui contribuisce anche il maggiore apporto di tutte le joint venture strategiche, con particolare riferimento al settore manifatturiero della Space Alliance ed al Gie Atr, grazie alla progressiva ripresa delle consegne. L’Ebit sale a 445 milioni (+12,7%) e continuando a registrare, seppure in misura inferiore, oneri legati all’allineamento alle indicazioni governative in materia di Covid-19 anche a tutela della salute dei lavoratori. L’EBIT include gli effetti della rilevazione dei costi di ristrutturazione legati ai preannunciati accordi per il pensionamento anticipato della forza lavoro della divisione Aerostrutture su base volontaria (circa 90 milioni). Il free operating cash flow è negativo per 1,387 miliardi, in miglioramento rispetto al 30 settembre 2020 (era negativo per 2,596 miliardi). Tale risultato riflette il previsto positivo trend di miglioramento, pur confermando l’usuale profilo infrannuale caratterizzato da significativi assorbimenti di cassa nella prima parte dell’anno. L’indebitamento netto di gruppo si attesta a 4,69 miliardi, in aumento rispetto al 31 dicembre 2020 (era pari a 3,318 miliardi) principalmente per effetto dell’andamento del free operating cash flow.

Profumo, risultati primi 9 mesi molto positivi

“I risultati dei primi nove mesi sono molto positivi. Lo afferma Alessandro Profumo, amministratore delegato di Leonardo, sottolineando la “performance superiore ai livelli pre-pandemici nel militare/governativo (87% dei ricavi di gruppo), che ha più che compensato il business civile ancora sfidante. Il portafoglio ordini garantisce visibilità, la top line è in crescita così come l’Ebita e il Fofc”. “Confermiamo la guidance 2021 e le prospettive di medio-lungo periodo basate su solidi fondamentali di gruppo – prosegue Profumo – Abbiamo recentemente firmato la prima Revolving Credit Facility ”Esg-linked” e siamo stati riconfermati Global Compact Lead a testimonianza dell’impegno continuo riconosciuto in ambito Esg”.

Le azioni Leonardo sono in calo nel mercato serale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *