Mediaset azioni, risultati 9 mesi superano livelli pre-pandemia

Mediaset azioni, risultati 9 mesi superano livelli pre-pandemia

Mediaset chiude i 9 mesi con un risultato netto di Gruppo in decisa crescita a 273,8 milioni di euro rispetto ai 10,5 milioni del 2020 e in aumento (addirittura di tre volte) anche rispetto ai 92,1 milioni dei nove mesi del 2019, pur sottraendo al dato 2021 i risultati della cessione di Towertel (86,7 milioni di euro) e i proventi della chiusura del contenzioso con Dailymotion (26,3 milioni di euro). I Ricavi netti consolidati, spiega una nota, ammontano a 1.992,7 milioni di euro rispetto ai 1.722,8 milioni dei primi nove mesi dell’anno precedente. I ricavi in Italia salgono a 1.388,9 milioni di euro rispetto ai 1.176,2 milioni conseguiti nel pari periodo 2020. Da segnalare nel terzo trimestre la crescita del +10,5% rispetto allo scorso esercizio. In Spagna i ricavi hanno raggiunto i 603,8 milioni di euro rispetto ai 546,6 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente. Decisivo il buon andamento dei Ricavi pubblicitari televisivi lordi in entrambe le aree geografiche. In Italia hanno raggiunto i 1.346,2 milioni di euro rispetto ai 1.107,7 milioni del pari periodo 2020, un dato che si colloca anche al di sopra del 2019 (1.332,4 milioni). In Spagna sono saliti a 574,5 milioni di euro rispetto ai 488,3 milioni del settembre 2020. I Costi operativi complessivi (costi del personale, costi per acquisti, servizi e altri oneri, ammortamenti e svalutazioni di diritti televisivi e di altre immobilizzazioni) si sono attestati a 1.717,7 milioni di euro rispetto ai 1.635,2 milioni del 2020. In Italia sono stati pari a 1.253,9 milioni di euro, in leggero aumento rispetto al 2020 caratterizzato dal lock-down (1.222,0 milioni) ma decisamente inferiori (-8,6%) rispetto al 2019 pre-Covid (1.371,7 milioni. n Spagna costi pari a 464,2 milioni di euro in crescita rispetto ai 413,8 milioni dello scorso esercizio per via della trasmissione in giugno e luglio del Campionato Europeo di Calcio 2020, ma inferiori rispetto ai 470,5 milioni di euro del 2019.

L’Ebit di Gruppo è stato pari a 275,0 milioni di euro rispetto agli 87,6 milioni dello stesso periodo del 2020, un dato superiore anche ai 188,6 milioni del 2019. In Italia ha raggiunto i 135,0 milioni di euro rispetto a -45,8 milioni dei primi nove mesi 2020. Importante il dato del terzo trimestre, positivo per 40,4 milioni di euro rispetto agli 11,7 milioni dello scorso esercizio.

In Spagna l’Ebit è a 139,6 milioni di euro rispetto ai 132,9 milioni dei primi nove mesi 2020.

L’indebitamento finanziario netto consolidato al 30 settembre 2021 è pari a 919,5 milioni di euro, in diminuzione rispetto al dato di inizio anno (1.064,4 milioni di euro). Escludendo le passività rilevate ai sensi dell’IFRS 16 e il debito residuo derivante dalle acquisizioni della partecipazione in ProsiebenSat.1, l’indebitamento finanziario netto rettificato è pari a 640,4 milioni di euro. a generazione di cassa caratteristica (free cash flow) è stata pari a 423,6 milioni di euro, in netta crescita rispetto ai 236,0 milioni dei primi nove mesi 2020. Nello stesso periodo, a fronte dei 133,9 milioni di euro incassati da dividendi EI Towers, sono stati inoltre distribuiti dividendi da parte di Mediaset per 340,6 milioni di euro e sostenuti esborsi per 103,9 milioni di euro per l’incremento della partecipazione in ProsiebenSat.1 effettuato da Mediaset Espana. Anche nei primi nove mesi 2021 è confermata la leadership sul target commerciale in tutte le fasce orarie sia in Italia sia in Spagna. In Italia, Mediaset ha ottenuto il 33,5% di share nel totale giornata, il 33,5% nel Day Time e il 33,8% nel Prime Time sul target commerchiale (15-64 anni).

Da segnalare la crescita delle serate di autoprodotto in prima serata pari al +38% rispetto all’autunno del 2019 pre-Covid. In Spagna, il Gruppo Mediaset Espa a conferma la propria leadeship sul target commerciale con una share del 30,8% nelle 24 ore e del 29,6% in Prime Time. Telecinco nei primi nove mesi del 2021 resta prima negli ascolti con il 15,8% di share nelle 24 ore. Secondo il management, nel mese di ottobre, la raccolta pubblicitaria in Italia ha registrato un andamento ancora positivo, risultato particolarmente importante considerando che l’ultima parte dell’anno precedente già segnava una forte ripresa, con ricavi pubblicitari lordi in crescita rispetto al 2019, dopo la fase di forte contrazione della prima parte dell’anno. Anche negli ultimi due mesi dell’anno, l’andamento dei ricavi pubblicitari del gruppo nonostante il difficile confronto con l’omologo periodo del 2020 e un contesto generale a livello internazionale ancora condizionato dall’evoluzione della pandemia, dovrebbe continuare a riflettere un andamento del mercato che in presenza della ripresa economica in atto, per la maggior parte dei settori, dovrebbe essere caratterizzato dalla tipica alta stagionalità della domanda (“Black Friday” e festività natalizie). In presenza di tali andamenti e dei risultati in forte crescita già consolidati al termine dei nove mesi, si conferma per l’esercizio in corso la previsione di un deciso rafforzamento dei risultati economici (Ebit e risultato netto) e della generazione di cassa caratteristici di Gruppo rispetto a quelli degli ultimi due esercizi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *