Interpump azioni: 3Q21, crescita organica dei ricavi del 18% e utile in aumento del 27% a 50 mln

Interpump azioni: 3Q21, crescita organica dei ricavi del 18% e utile in aumento del 27% a 50 mln

Il terzo trimestre dell’anno si chiude per Interpump con un utile netto consolidato di 50,1 milioni di euro (39,5 milioni di euro nel terzo trimestre 2020). Le vendite nette del terzo trimestre – spiega una nota – sono state pari a 373,5 milioni di euro, superiori del 18,7% rispetto alle vendite dell”analogo periodo del 2020 (314,7 milioni di euro). L”Ebitda e” stato pari a 88,6 milioni di euro (23,7% delle vendite) a fronte dei 76,0 milioni di euro del terzo trimestre 2020, che rappresentava il 24,2% delle vendite. L’Ebit è stato pari a 222,8 milioni di euro a fronte dei 148,5 milioni di euro dei primi nove mesi 2020. L’utile netto dei primi nove mesi è stato di 178,4 milioni di euro (103,0 milioni di euro nel periodo corrispondente del 2020). Alcune società italiane del gruppo hanno effettuato nel periodo la rivalutazione dei marchi ai fini fiscali, come regolamentato dalla normativa nazionale. L’operazione comporterà benefici fiscali futuri contabilizzati nel periodo per un importo pari a 20,1 milioni di euro. La liquidità netta generata dalla gestione reddituale è stata di 247,9 di milioni di euro (182,5 milioni di euro nei primi nove mesi del 2020). Il free cash flow del periodo è stato di 134,9 milioni di euro (148,6 milioni di euro nei primi nove mesi del 2020). La posizione finanziaria netta al 30 settembre è pari a 174,4 milioni di euro rispetto ai 269,5 milioni di euro al 31 dicembre 2020. Nei nove mesi sono stati pagati dividendi per 28,8 milioni di euro e acquistate azioni proprie per 12,3 milioni di euro, mentre la spesa relativa alle acquisizioni è stata pari a 9 milioni di euro. Al 30 settembre, il gruppo aveva inoltre impegni per acquisizione di partecipazioni in società controllate valutati complessivamente 62,4 milioni di euro (62,7 milioni di euro al 31 dicembre 2020). Il capitale investito è passato da 1.482,2 milioni di euro al 31 dicembre 2020 a 1.551,8 milioni di euro al 30 settembre 2021, sostanzialmente per effetto dell’aumento del capitale circolante, conseguenza fisiologica della ripresa economica in atto, e agli investimenti effettuati per adeguare la capacità produttiva. Il Roce non annualizzato è stato del 14,4% (10,0% nei primi nove mesi del 2020). Il Roe non annualizzato è stato del 13,6% (9,3% nei primi nove mesi del 2020). Al 30 settembre 2021 Interpump Group aveva in portafoglio 2.348.625 azioni proprie pari al 2,157% del capitale, acquistate ad un costo medio di 30,467 euro.

Le azioni Interpump sono in calo dopo la pubblicazione dei dati a 66,75 EUR (-1,18%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *