BORSE EUROPA IN RIALZO, SCENDE TIM, rimbalzo del petrolio dopo il crollo di venerdì

BORSE EUROPA IN RIALZO, SCENDE TIM, rimbalzo del petrolio dopo il crollo di venerdì

Le Borse dell’Europa proseguono in moderato rialzo, sotto i massimi dell’apertura. Indice EuroStoxx 50 +0,7%. Indice Ftse Mib di Milano +0,9%. Stoxx 600 +0,7%.

 

Tutto il mondo è ancora intimorito dall’avanzata della variante Omicron, che in pochi giorni dalla sua scoperta in Sudafrica ha già valicato i confini di diversi continenti, dall’Europa all’Australia. “È una corsa contro il tempo” per capirne di più e adottare le contromisure giuste, ha sottolineato il presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, mentre Londra, presidente di turno del G7, ha convocato per oggi una “riunione d’emergenza” dei ministri della Sanità del Gruppo.

 

 

Tra i titoli, BT Group Plc +6% alla Borsa di Londra sulle indiscrezioni secondo cui il gruppo indiano Reliance Industries stia prendendo in esame una possibile offerta per la più grande compagnia telefonica del Regno Unito. Un portavoce di BT ha rifiutato di commentare.

 

 

Faurecia -5% a Parigi, il gruppo, uno dei maggiori produttori di componentistica per automobili al mondo, ha tagliato la sua guidance per l’anno fiscale 2021. La causa principale è il calo della produzione automobilistica europea, ma anche costi una tantum negli Stati Uniti e i continui stop and go decisi dagli OEM.

 

 

I future dell’S&P500 e del Nasdaq di Wall Street sono in rialzo dello 0,8%. La seduta ad orario ridotto di venerdì, terminata con un calo del 2,3%, è stata la peggiore dall’ottobre del 2020. Morgan Stanley, dopo aver analizzato il movimento degli indici e delle opzioni è arrivato alla conclusione che ci sia stata un eccesso di reazione negativa, principalmente spiegabile dai bassi volumi: gli esperti della banca d’affari segnalavano venerdì sera nel report che il calo dell’indice S&P500 rispetto al rialzo dell’indice VIX (salito del 50% a 28,6 punti), è stato quasi tre volte superiore alla media dell’andamento di questo differenziale nell’ultimo anno.

 

 

Macrovariabili

 

 

Tengono i bond governativi. BTP decennale all’1%. “E’ molto improbabile che nel 2022 si creino le condizioni per un rialzo dei tassi di interesse”. Lo ha detto Francois Villeroy de Galhau, governatore della Banca di Francia e consigliere della Bce. rimarcando che il balzo dell’inflazione è transitorio ed è dovuto alla ripresa.

 

 

Treasury Note a dieci anni a 1,56%, + 6 punti base. Parlando con Fox News ieri sera, il presidente della Fed di Atlanta ha ridimensionato la minaccia di Omicron ed ha detto che sarebbe meglio accelerare sula via del rialzo dei tassi.

 

 

Il petrolio tipo Brent e WTI , collassato venerdì in ribasso del 13%, oggi guadagna il 4%.

 

 

I prezzi del Gas Naturale sono in rialzo in Europa con il peggioramento delle condizioni meteo. Ad Amsterdam il prezzo sale del 8% a 95 euro al Mwh. A Londra cresce dell’8,1% 240 penny per Mmbtu.

 

Euro dollaro , in calo dello 0,3% a 1,127. “Io penso che l’inflazione di questi giorni sia legata a fenomeni temporanei, primo fra tutti il rincaro dell’energia” che per esempio in Italia rappresenta il 69% del rincaro generale dei prezzi. Poi ci sono altri fenomeni geopolitici, climatici che con il tempo possono cambiare. Cosi’ la presidente della Bce, Christine Lagarde intervistata da Fabio Fazio a Che tempo che fa su Rai 3.

Titoli

 

Stellantis -0,6%. Citi torna a seguire il titolo, giudizio Buy. Nel settore dell’automotive, c’è l’allarme lanciato stamattina da Faurecia, il titolo è in calo del 5%. Il produttore di componenti quotato a Parigi tagliato la stima per l’anno finanziario del 2021, a causa di un calo della produzione automobilistica europea, della difficoltà ad adattarsi ai costi generati dagli stop and go della produzione, oltre che per costi una tantum negli Stati Uniti. Il gruppo ora stima vendite per il 2021 comprese tra 15 e 15,5 miliardi di euro e un margine operativo pari al 5,5%, in contrasto con i precedenti target di vendite pari a 15,5 miliardi di euro e un margine intorno al 6-6,2%.

 

Tim -3,5%. Si è fatto da parte l’amministratore delegato Luigi Gubitosi, Reuters riporta che c’è stato uno scontro con il primo socio Vivendi. La società ha deciso che alcune deleghe saranno date a Pietro Labriola, destinato a diventare direttore generale. Via libera all’esame della proposta KKR. L’ex amministratore delegato Amos Ghenish dice a la Repubblica che Tim è una società ad alto potenziale di crescita e critica l’operato di Gubitosi.

 

Snam +0,6% compra da ENI +1,8%, il 49,9% detenuto (direttamente e indirettamente) nelle società che gestiscono i due gruppi di gasdotti internazionali che collegano l’Algeria all’Italia. Alcuni fondi d’investimento, compreso Macquarie, hanno mostrato interesse per l’attivita stoccaggio gas di Snam, ha scritto Bloomberg venerdì. Snam presenta oggi il piano strategico.

 

Terna +0.7%. investirà sulla sicurezza, sullo sviluppo delle interconnessioni e sul rinnovo delle reti circa 4,3 miliardi in dieci anni, ha detto il Ceo Stefano Donnarumma al Corriere della Sera domenica.

 

Moncler +1,8%.

Diasorin -2%.

Banca Mediolanum +2%

Tod’s . Diego Della Valle ha detto che è amico di Bernard Arnault (Lvmh) e “se capiterà l’occasione” faranno “qualcosa insieme, come succede da oltre 20 anni”, secondo dichiarazioni riportate da Il Sole 24 Ore domenica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *