Banca Carige news azioni: rassicura Bce sulla sua ricerca di un partner

Banca Carige news azioni: rassicura Bce sulla sua ricerca di un partner

Se la privatizzazione del Montepaschi è stata in questi mesi la priorità per il sistema bancario italiano, la vendita di Carige ha dovuto aspettare. Il protrarsi della ricerca del partner però non dovrebbe rappresentare un grande problema per la banca genovese diretta da Francesco Guido e controllata dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (Fitd). Sarebbe questo il messaggio che tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre il vertice e l’azionista di maggioranza hanno trasmesso alla Bce. In una serie di interlocuzioni con l’organo di vigilanza (che nel corso dell’estate aveva chiesto un aggiornamento sul processo di m&a) la banca avrebbe infatti la solvibilità e la tenuta degli indicatori di capitale e di liquidità pur in assenza di una business combination. Un messaggio volto a tranquillizzare Francoforte e a comprare tempo prezioso in vista del deal. Per il momento comunque la scadenza rimane quella comunicata all’inizio dell’anno: il Fitd punta infatti a cedere il suo pacchetto per la fine dell’anno e in questa direzione si stanno muovendo gli advisor Kpmg e Deutsche Bank che hanno in mano il dossier. La data room è già abbastanza popolata visto che, oltre ad alcuni fondi di private equity (sono circolati di nomi di Apollo Global Management, Centerbridge e Bain), prima dell’estate si sarebbero fatti avanti il Credito Emiliano e Banco Bpm. Con altri istituti come Bper e Cre’dit Agricole ci sarebbero stati contatti più informali, che però, anche in questo caso, avrebbero dato esito non vincolante. Per il momento le banche contattate non si sono sbilanciate, ma non si può escludere però che qualche istituto scelga di rompere gli indugi a cavallo dell’autunno. Anche perché il decreto Sostegni bis prevede che la conversione delle Dta (deferred tax asset) in crediti fiscali scatti solo per le integrazioni approvate dai rispettivi consigli di amministrazione entro fine anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *