Shell news azioni:si aspetta spinta a cash flow da impennata prezzi gas ed energia

Shell news azioni:si aspetta spinta a cash flow da impennata prezzi gas ed energia

Giovedì Royal Dutch Shell ha dichiarato che l’aumento dei prezzi del gas naturale e dell’elettricità in tutto il mondo fornirà un grande aumento a al suo flusso di cassa nel terzo trimestre.

 

In un aggiornamento in vista dei risultati trimestrali di questo mese, Shell ha anche affermato che i danni causati dall’uragano Ida di agosto intaccheranno i guadagni di 400 milioni di dollari nel trimestre.

 

I prezzi del gas naturale e dell’elettricità in tutto il mondo sono stati spinti al rialzo poiché le forniture di gas limitate si sono scontrate con la forte domanda nelle economie che si stanno riprendendo dalla pandemia di COVID-19.

 

Shell è il primo venditore mondiale di gas naturale liquefatto (GNL), rappresentando circa il 20% della domanda globale, anche se le sue vendite sono diminuite negli ultimi mesi a causa di problemi di produzione.

 

 

La produzione nel trimestre dovrebbe essere compresa tra 7 e 7,5 milioni di tonnellate, il livello più basso dal 2016, “riflettendo i vincoli del gas di alimentazione e la manutenzione aggiuntiva”, ha affermato Shell.

 

La società ha affermato che il flusso di cassa nella sua divisione GNL “dovrebbe essere significativamente influenzato da ampi margini di variazione in entrata in questo contesto prevalente dei prezzi del gas e dell’elettricità”.

 

La produzione upstream di petrolio e gas di Shell è scesa nel trimestre a tra 2.025 e 2.1 milioni di barili di petrolio equivalente al giorno (boed) a causa di un’interruzione prolungata di circa 90.000 boed in alcuni dei suoi giacimenti offshore nel Golfo del Messico dopo l’uragano Ida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *