Rating titoli di borsa 13 ottobre 2021: Tim, Amplifon, Biesse, Prysmian, Exor, Erg.

Rating titoli di borsa 13 ottobre 2021: Tim, Amplifon, Biesse, Prysmian, Exor, Erg.

Tim

Intesa Sanpaolo ribadisce il rating buy e il prezzo obiettivo a 0,47 euro su Tim, in scia alle indiscrezioni di stampa secondo cui la scorsa settimana Infratel ha incontrato i principali operatori di telecomunicazioni e Asstel (Associazione Italiana Tlc) per discutere della fase 2 del programma del governo per incentivare le attivazioni della fibra. Se confermato, l’avvio della fase 2 del programma voucher, almeno per il segmento delle piccole-medie imprese, sarebbe una notizia positiva per Tim, commentano gli analisti. L’operazione infatti rappresenta un driver per gli obiettivi del piano industriale e il suo ritardo è stato tra i motivi che hanno portato al declassamento dello scorso luglio della guidance domestica 2021, spiegano gli esperti.

Amplifon

Bestinver conferma rating sell e tp di 34-36 euro su Amplifon in attesa dei conti in agenda per il 27 ottobre. Gli esperti si aspettano una rallentamento nel terzo trimestre a causa, tra gli altri, della difficile base di confronto. Gli analisti giudicano positivamente la strategia del gruppo, ma dal punto di vista di una prospettiva valutativa il titolo sta già pienamente scontando la crescita nei prossimi due anni e i favorevoli trend di mercato di medio termine, ma non i rischi di lungo termine legati ai possibili miglioramenti nel trattamento delle malattie uditive.

Biesse

Banca Akros ribadisce il rating accumulate e il prezzo obiettivo a 34 euro su Biesse, società quotata al segmento Star e attiva nella tecnologia per la lavorazione di legno, vetro, pietra, plastica e metallo, dopo la Star Conference. È stato confermato il buon momentum del mercato, commentano gli analisti, segnalando che il portafoglio ordini a fine settembre ha raggiunto il livello record di 291 mln euro. Il terzo trimestre è iniziato con un buon andamento degli ordini e dei risultati e il management è quindi fiducioso di raggiungere vendite e redditività 2021 in linea con il 2019, evidenziano gli esperti, sottolineando infine che il gruppo non ha problemi di inflazione dei costi o carenza di componenti.

Prysmian

BofA conferma la raccomandazione underperform e il prezzo obiettivo a 27 euro su Prysmian. Gli esperti ritengono che il premio implicito nel loro target price rispetto ai multipli di settore sia giustificato per via dell’esposizione del gruppo ai trend strutturali tematici dell’energia rinnovabile e dell’elettrificazione, che offrono profili di crescita superiori.

Exor

Mediobanca Securities conferma la raccomandazione outperform e il prezzo obiettivo a 82 euro su Exor. Come riportato da MF, segnalano gli analisti, la società ha completato un ulteriore investimento di circa 70 mln euro in India nell’azienda TVS Supply Chain Solutions, operante nel campo della logistica per il settore del trasporto aereo e navale. Gli analisti notano come l’investimento in TVS rappresenti meno dell’1% dei total asset di Exor.

Erg

Equita Sim conferma la raccomandazione buy e il prezzo obiettivo a 31,5 euro su Erg. La Francia ha presentato il piano per la decarbonizzazione e innovazione (per il raggiungimento dei target europei al 2030), che prevede 30 mld euro di interventi. Tra le misure, previsti anche 8 mld per l`energia da attivare nei prossimi 5 anni, con lo scopo di fare della Francia un leader nell`idrogeno, nelle rinnovabili e nel nucleare. Degli 8 mld destinati all`energia, evidenziano gli analisti, “4 mld saranno dedicati alla mobilita” sostenibile con l`obiettivo di produrre 2 mln di veicoli elettrici e ibridi, 1 mld sarà dedicato allo sviluppo del nucleare di piccola taglia, 0,5 mld saranno dedicati alle rinnovabili. La parte piu` consistente sarà dedicata al sviluppo dell`idrogeno con 2 gigafactory da realizzare nei prossimi anni. Previsti anche investimenti nelle batterie. Il processo di elettrificazione e gli incentivi specifici per le rinnovabili sono un driver positivo per Erg, che ha in Francia il 20% delle proprie produzioni wind, commentano gli esperti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *