NOVA RE (+40%) teorico dopo l’accordo con dea capital

NOVA RE (+40%) teorico dopo l’accordo con dea capital

Nova Re ha sottoscritto con il  Gruppo DeA capital un accordo (Framework Agreement) finalizzato a definire una partnership operativa strategica nel mercato immobiliare italiano, anche mediante l’ affidamento a DeA Capital Re dell’incarico advisor per lo svolgimento di alcuni servizi di asset advisory a favore di Nova Re.

Il progetto congiunto prevede la nomina di DeA Capital come advisor di Nova re, l’ acquisizione di una quota di minoranza di quest’ ultima da parte di DeA Capital e la definizione di un nuovo piano strategico, oltre ad un ulteriore investimento tramite un aumento di capitale per un importo iniziale fino a 1 miliardo di cui 300 milioni da sottoscrivere da parte di investitori terzi. Parte dell’aumento di capitale sara’ sottoscritto da DeA e DeA Capital (o da una loro affiliata) e da CPIPG, al fine di acquisire immobili sul mercato in linea con il Nuovo Piano Strategico.
CPIPG sottoscrivera’ e/o conferira’ in denaro e/o in natura un importo dell’Aumento di Capitale in misura tale che, per effetto dell’Aumento di Capitale, la partecipazione minima di CPIPG sara’ compresa tra una quota minima pari al 50% del capitale sociale di Nova RE e una quota massima di CPIPG pari al 60% di Nova RE. DeA e DeA Capital sottoscriveranno e conferiranno in denaro un importo pari al minore tra il 5% dell’aumento di capitale e 46.510.122,90 euro posto in ogni caso che l’importo di sottoscrizione DeA dovra’ intendersi come un limite massimo di tutti gli investimenti che potranno essere effettuati da DeA o DeA Capital e rispettive affiliate ai sensi del Framework Agreement, sia a titolo di versamento dell’Aumento di Capitale, sia ad altro titolo tramite l’investimento in veicoli societari destinati a specifici investimenti immobiliari sviluppati con CPIPG.

i conti del primo semestre

Il Cda di Nova Re ha approvato i risultati preliminari del primo semestre 2021, chiuso con ricavi da locazione pari a 1,3 milioni (1,8 mln 1H20) e un Ebitda negativo per 1 milione (-0,1 mln 1H20).
L’adeguamento al fair value degli investimenti immobiliari e’ positivo e stimato in circa 3,4 milioni. Il valore del portafoglio immobiliare subisce un positivo incremento rispetto al 31 dicembre 2020, principalmente, degli effetti positivi delle acquisizioni effettuate nel primo semestre 2021 di ulteriori unita’ immobiliari nel complesso di Milano – Via Spadari.
Il risultato netto consolidato preliminare evidenzia un utile di 2 milioni, contro una perdita di 4,7 milioni nel primo semestre 2020.
Claudio Carsera‘, CIO della Societa’, commenta: ‘ Siamo molto soddisfatti degli effetti positivi sul nostro bilancio derivanti dalla valorizzazione complessiva dell’ investimento nell’ immobile di Milano Via Spadari/Via Torino da noi realizzata nel primo semestre 2021 con le acquisizioni di ulteriori unita’ immobiliari nell’ edificio. Tale operazione si colloca nell’ ambito della nostra strategia di consolidamento delle posizioni di investimento frazionate del nostro portafoglio e rappresenta anche la conferma della positiva view della Societa’ sulla imminente ripresa del mercato immobiliare Milanese e genericamente Italiano”.

analisi del prezzo

Nova re attualmente quota a 5.5 euro per azione, con un rialzo teorico di circa il 40%. Le quotazioni attualmente sono molto volatili a causa degli scarsi volumi, il nostro prezzo obiettivo si trova a quota 7 euro massimo dal 2017 ad oggi, dove si trova la prima resistenza importante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *