Offerte di lavoro dai supermercati: turni e orari. Ma in molti dicono no

Molti supermercati stanno offrendo lavoro prevedendo una serie di turni e orari. In molti stanno dicendo no: ecco quello che c’è da sapere al riguardo.

Con la fine dello stato d’emergenza causato dal covid e dunque la fine dei lockdown che hanno costretto molti lavoratori a casa, molti supermercati stanno offrendo possibilità di lavoro. In molti però stanno dicendo no ai turni e agli orari offerti.

Nell’ultimo periodo, si sta verificando una situazione davvero difficile che vede molti supermercati in difficoltà nella ricerca di lavoratori disposti a prestare servizio a determinati turni e orari. In poche parole, pare che il lavoro ci sia ma nessuno sia disposto a farlo. A tal proposito, secondo Fida-Confcommercio tra i principali motivi che fanno emergere questa generale difficoltà a trovare lavoratori ci sono le competenze e le esperienze richieste coma anche gli orari di lavoro che da molti sono ritenuti eccessivamente pesanti. Senza contare poi che per molti lavoratori le mansioni offerte risultano per nulla attrattive. Nello specifico, tra le figure più richieste ci sono i cassieri, gli scaffalasti, i macellai e i banconisti.

In tale contesto, Donatella Prampolini, presidente di Fida-Confcommercio, ha espresso la necessità di un intervento incisivo per risolvere questa difficile situazione. In particolare, è fondamentale mettere in atto delle politiche volte a migliorare il rapporto tra lavoro e istruzione. In particolare, è necessario dare vita ad un sistema che metta a disposizione gli strumenti necessari per formarsi e dunque sviluppare le proprie capacità. Solo così infatti sarà, ha affermato la Prampolini, è possibile migliorare l’occupazione. Va detto che sicuramente, questi due anni di pandemia hanno spinto molti lavoratori a rivalutare il piacere di stare a casa, in famiglia, e per questo non sono più disposti a sacrificare questi aspetti della vita. Alla luce di questo, è chiaro che bisognerà anche rivalutare l’aspetto relativo agli orari e ai turni. Va detto, infine, che tale difficoltà nella ricerca del personale sta interessando non solo il settore della distribuzione ma anche quello relativo alla ristorazione dove. molti ristoratori infatti stanno lamentando la difficoltà nel trovare camerieri disposti a lavorare in sala anche nel week end.