Energia, rischi blackout in estate, altri soldi gettati

In materi di energia, con l’arrivo dell’estete potrebbero aumentare il rischio di blackout con la conseguenza che le famiglie italiane getteranno via altri soldi.

L’attuale crisi energetica sta generando inevitabili conseguenze che riguardano l’aumento dei prezzi relativamente alle materie prime, ma che l’aumentato rischio di blackout soprattutto in estate.

Proprio per prepararsi al futuro A2a, Società milanese operante nel settore delle forniture di energia elettrica e di gas, ha deciso di avviare un potenziamento dell’impianto di Rozzano per evitare il verificarsi di blackout con l’avvento della stagione estiva. Questi, peraltro, già negli anni precedenti hanno generato non pochi disagi causati dall’aumento dei consumi. L’accensione contemporanea di condizionatori ed elettrodomestici in città, difatti, comporta un maggiore rischio di andare incontro a disagi dovuti all’aumentare del fabbisogno. In un smile contesto la società in questione ha deciso di stanziare un miliardo di euro da distribuire in dieci anni al fine di potenziare e dunque procedere al rinnovamento della rete.

Il risultato, in poche parole, sarà una migliore capacità di sostenere l’aumento relativo ai consumi. A tal proposito, in Via Vesuvio a Rozzano, è stata realizzata la prima delle 10 cabine che saranno costruite nel corso degli anni. In questo modo, sarà perseguito un’accelerazione verso un futuro più sereno evitando fenomeni come i blackout a favore peraltro della decarbonizzazione. Quest’ultimo aspetto risulta essere molto importante per quanto concerne l’inquinamento ambientale che in questo senso verrebbe sicuramente ridotto. Ad ogni modo, la seconda cabina primaria sarà realizzata nel prossimo mese di agosto nei pressi delle scalo ferroviario di San Cristoforo. La società milanese ha fatto sapere che interventi come questi risultano essere praticamente indispensabili per poter avviare un processo di transizione energetica nei confronti del quale è intenzionata a mostrate tutta la sua disponibilità. In particolare, l’azienda si è detta fortemente vicina ai cittadini come anche alle imprese, ai quali è intenzionata a garantire una rete di distribuzione più smart e dunque più sostenibile. In questo periodo più che mai infatti il problema relativo alle materie energetiche è divenuto di grande attualità spingendo l’Italia intera a diventare sempre più indipendente dagli altri paesi e in particolare la Russia.